Il dissidente russo Serebrennikov apre la corsa alla Palma d'Oro

Il dissidente russo Serebrennikov apre la corsa alla Palma d'Oro

Si è aperta la 75ma edizione del Festival di Cannes, in concorso 21 film

cannes corsa palma oro Serebrennikov

AGI - Il Festival di Cannes apre la corsa alla Palma d'Oro con il film "Tchaikovsky's wife" del dissidente russo Kirill Serebrennikov. Una pellicola in cui il regista, noto per le sue posizioni pro-LGBT+, parla di un aspetto vietato in Unione sovietica, prima, è nella Russia di Putin oggi: l'omosessualità del compositore.

Il film racconta la tumultuosa relazione tra il famoso compositore e sua moglie Antonina Miliukova e apre la corsa per la Palma d'Oro che vede in lizza 21 lungometraggi (in corsa per l'Italia c'è Mario Martone con 'Nostalgia', tratto dal romanzo di Ermanno Rea con Pierfrancesco Favino protagonista).

Nella pellicola Serebrennikov si addentra nella vita di Tchaikovsky, non dal punto di vista del famoso compositore, ma da quello della donna che sposò per nascondere la sua omosessualità e proteggere il suo entourage. 'Tchaikovsky's wife', presenta una visione intima del breve e disastroso matrimonio di Pyotr Ilyich Tchaikovsky.

"Non è un biopic - ha spiegato il regista - (Tchaikovsky, ndr) non è il personaggio principale. È un film su alcuni episodi della sua vita e su una donna che era ossessionata da lui".

"Mostra la sua versione dei fatti ed è interessante perché Antonina Miliukova è un personaggio totalmente dimenticato", ha continuato Serebrennikov, per il quale questo film è "l'inizio di un lungo viaggio" nell'universo del compositore de "Il lago dei cigni".

Qualche anno fa, quando Serebrennikov cercava finanziamenti pubblici per il film, l'ex ministro della Cultura Vladimir Medinski (attualmente capo della delegazione russa ai negoziati con l'Ucraina), "voleva che seguissimo la versione sovietica" della vita del compositore, dice. "Ma questo film è una terribile bugia.

In Russia, "Tchaikovsky è un monumento che non ha sofferto, che non ha avuto una vita privata", dice. Per lui, la sua vita intima rimane "sconosciuta ai russi, proprio come Cechov, Dostoevskij o Tolstoj".

Rifiutando qualsiasi sensazionalismo nel suo film, Serebrennikov dice di voler mostrare in parte come questa relazione tumultuosa sia stata anche una fonte di "ispirazione per le sue opere straordinarie". 

Sebbene l'omosessualità del compositore fosse nota da tempo, alcuni passaggi delle lettere di Čajkovskij, pubblicati senza censure per la prima volta nel 2018, hanno rivelato le sue pene o i suoi desideri per gli uomini. Questi passaggi sono stati censurati dopo la sua morte, prima dai suoi fratelli e poi in epoca sovietica.

Già in lizza l'anno scorso con "La fiebre de Petrov" e con "Leto" nel 2018, il regista, noto per le sue posizioni pro-LGBT+, non ha potuto recarsi a Cannes in quegli anni perché condannato per appropriazione indebita. 

Questa volta potrà salire i famosi gradini del Palais des Festivals e assistere alla proiezione di gala di 'Tchaikovsky's Wife'. Serebrennikov, la cui madre è ucraina ha raccontato di aver provato "orrore, tristezza, vergogna e dolore" per l'invasione russa dell'Ucraina.