L'incontro ravvicinato con la Luna della missione Artemis

L'incontro ravvicinato con la Luna della missione Artemis

La capsula Orion senza equipaggio della missione 'Artemis 1' della Nasa è uscita dalla faccia nascosta della Luna, scopo finale è quello di installare una base operativa funzionante sul pianeta satellite della Terra

spazio artemis incontro ravvicinato con la luna

© Jim WATSON / AFP 
- La Luna 

AGI - La capsula Orion ha effettuato il passaggio ravvicinato con la Luna, portandosi a circa 130 chilometri dalla superficie.

Lo ha confermato la Nasa, dopo che il veicolo è uscito dalla faccia nascosta della Luna.

Dalla posizione raggiunta da Orion è possibile riprendere i contatti con il centro di controllo.

È un fondamentale passaggio della missione senza equipaggio Artemis 1, perché ha reso la Luna e non più la Terra la principale forza gravitazionale che agisce sulla capsula.

Con la missione, la Nasa ha lanciato il 16 novembre la capsula Orion, che rimarrà nello spazio per circa 26 giorni, durante i quali saranno effettuati i primi test intorno al satellite.

Nell'ambito del programma Nasa c'è anche un mini-satellite italiano, ArgoMoon, realizzato da Argotech, un'azienda torinese.

Scopo finale del programma Artemis sarà installare una base operativa funzionante sulla Luna, che potrà supportare missioni di lunga durata e allo stesso tempo costituirà il terreno di prova per le tecnologie da utilizzare su Marte.