L'obesità è in realtà una malattia neurologica

L'obesità è in realtà una malattia neurologica

E' il risultato di uno studio che rivela come la regione dell'ipotalamo che regola l'assunzione di cibo, dell'attività fisica e del metabolismo subisca un'ampia maturazione epigenetica durante l'inizio della vita postnatale

obesita puo essere malattia neurologica

© AFP 
- Obesità

AGI - I meccanismi molecolari dello sviluppo del cervello durante i primi anni di vita potrebbero essere un fattore determinante per l'obesità. Lo dimostra uno studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, condotto dagli scienziati del Baylor College of Medicine. Il team, guidato da Robert Waterland, ha proposto una nuova prospettiva sull'obesità. Negli ultimi decenni, affermano gli autori, il problema dell'obesità è aumentato notevolmente, tanto che oggi si contano circa due miliardi di casi a livello globale. Nonostante decenni di ricerche sulla dieta e sull'esercizio fisico, molte persone continuano a lottare per perdere peso.

Lavori precedenti hanno mostrato che i geni più fortemente associati all'obesità sono espressi durante la fase di sviluppo neurologico. I ricercatori del Baylor College hanno utilizzato un modello murino per esaminare l'epigenetica e i meccanismi molecolari che guidano l'uso dei geni nei vari tipi cellulari. 

"La letteratura scientifica - afferma Waterland - mostra come le influenze ambientali durante i periodi critici di sviluppo possano avere un impatto significativo a lungo termine sulla salute e sulle malattie. La regolazione del peso corporeo è molto sensibile alla programmazione dello sviluppo". "Nel nostro lavoro - aggiunge Harry MacKay, collega e coautore di Waterland - abbiamo esaminato una regione del cervello chiamata nucleo arcuato dell'ipotalamo, che regola l'assunzione di cibo, dell'attività fisica e del metabolismo. Abbiamo scoperto che questa struttura subisce un'ampia maturazione epigenetica durante l'inizio della vita postnatale. Abbiamo riscontrato notevoli differenze in base al genere sessuale, con le femmine che sembravano sviluppare questi cambiamenti in tempi anticipati rispetto ai maschi".

I ricercatori hanno infine confrontato i dati epigenetici raccolti grazie ai modelli murini con delle informazioni provenienti da ampi studi di associazione sull'intero genoma umano. Questo approccio ha permesso agli esperti di riconoscere una forte sovrapposizione tra le regioni genomiche mirate alla maturazione epigenetica nel nucleo arcuato umano e murino. "Questi risultati - conclude MacKay - suggeriscono che il rischio di obesità potrebbe essere in parte collegato allo sviluppo epigenetico nel nucleo arcuato. Sforzi di prevenzione mirati a questi processi di sviluppo potrebbero essere la chiave per contrastare l'eccesso di peso".