Quali sono i rischi sull'uso delle armi chimiche in Ucraina

Quali sono i rischi sull'uso delle armi chimiche in Ucraina

Per gli analisti sentiti dalla prestigiosa rivista Nature le armi chimiche hanno un'utilità limitata sul campo di battaglia, soprattutto contro eserciti, come quello ucraino, che sono dotati di dispositivi di protezione e sono, invece,  principalmente uno strumento per terrorizzare le popolazioni

ucraina nature analisti valutano rischio armi chimiche

© EyePress News / Afp 
- Esercitazione di difesa batteriologica della Nato 

AGI - La prestigiosa rivista "Nature" ha pubblicato un paper nel quale diversi analisti del settore hanno espresso le proprie valutazioni quanto al rischio di uso di armi chimiche nella guerra in Ucraina.

Anche se il mondo ha vietato l'uso di armi chimiche, il governo russo è stato collegato ad esse in diverse occasioni, alcune recenti.

Nel 2018, il governo del Regno Unito ha accusato la Russia di aver utilizzato la sostanza chimica Novichok, un agente nervino sviluppato dall'Unione Sovietica decenni fa, per avvelenare Sergei Skripal, un ex doppiogiochista russo.

In un altro incidente di alto profilo, il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato avvelenato con un diverso tipo di agente Novichok nel 2020. Il Cremlino ha negato il coinvolgimento in entrambi gli episodi. 

"Questi due incidenti sollevano punti interrogativi sul fatto che gli elementi chimici dell'ex programma sovietico siano stati effettivamente eliminati", ha dichiarato a "Nature" Ralf Trapp, un consulente per il disarmo con sede a Chessenaz, in Francia. Inoltre, le truppe russe hanno combattuto a fianco dell'esercito regolare siriano durante la guerra civile di quel paese, iniziata nel 2011.

L'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW), con sede a L'Aia, nei Paesi Bassi, ha confermato che l'esercito siriano ha utilizzato armi chimiche contro il suo stesso popolo.

Il governo russo ha negato il coinvolgimento in questi attacchi. Trapp, che è un ex ufficiale dell'OPCW ed è stato coinvolto nella verifica dell'adesione alla Convenzione sulle armi chimiche (CWC) del 1997 in diversi paesi, inclusa l'Ucraina, afferma che non ci sono prove che l'Ucraina abbia armi chimiche.

"Non ha alcun senso per gli ucraini pensare di usarle", aggiunge. Russia e Ucraina sono firmatarie della CWC, che vieta l'uso di sostanze chimiche in guerra. L'OPCW, che controlla il rispetto del trattato, ha verificato nel 2017 che la Russia aveva distrutto tutte le sue scorte dichiarate di armi chimiche.

Questo non vuol dire che non ve ne siano di non dichiarate. Se la Russia o qualsiasi altro firmatario della Convenzione utilizzasse armi chimiche, si tratterebbe di una grave una violazione del diritto internazionale, afferma Leiv Sydnes, un chimico dell'Universita' di Bergen in Norvegia, che ha presieduto un gruppo di lavoro per l'OPCW.

Gli analisti sentiti da "Nature" hanno affermato che le armi chimiche hanno un'utilità limitata sul campo di battaglia, soprattutto contro eserciti, come quello ucraino, che sono dotati di dispositivi di protezione.

"Se li stai usando contro un obiettivo militare, è relativamente semplice per i difensori avere kit di protezione", ha affermato Paul Rogers, ricercatore di studi sulla pace presso l'Università di Bradford, nel Regno Unito.

Invece, le armi chimiche sono principalmente uno strumento per terrorizzare le popolazioni. I recenti sviluppi sul campo, con l'esercito russo che sembra riorientare i suoi sforzi sulle regioni orientali dell'Ucraina, potrebbero rendere meno probabile un attacco chimico, afferma Rogers. "Penso che il rischio sia inferiore a due o tre settimane fa".

In caso di attacco sospetto, l'OPCW sarebbe chiamato a verificare. Anche senza un accesso diretto alla zona di guerra, l'organizzazione potrebbe raccogliere prove, in particolare dalle immagini satellitari e dai referti medici, afferma Trapp. "Se ci sono vittime, vedrai le vittime curate in strutture mediche".

E i loro sintomi e le cartelle cliniche darebbero indizi. Le armi chimiche variano notevolmente nel modo in cui funzionano e nel tipo di prove che lasciano dietro di sè.

Se gli ispettori hanno accesso diretto subito dopo un attacco, potrebbero raccogliere campioni, come i sottoprodotti che gli agenti nervini lasciano nel sangue o tracce di residui nell'ambiente.

In alcune situazioni, la raccolta delle prove potrebbe essere più difficile; ad esempio, un attacco di cloro potrebbe essere difficile da provare, perché il gas può dissiparsi senza lasciare traccia.