Almeno una donna su 10 subisce un aborto spontaneo nel corso della vita

Almeno una donna su 10 subisce un aborto spontaneo nel corso della vita

I risultati di tre studi universitari pubblicati su The Lancet dimostrano una generale sottovalutazione di questo evento in molti Paesi del mondo. Evento che produce conseguenze anche gravi nelle donne e nei partner

ricerca aborto spontaneo una donna su 10 

© LOIC VENANCE / AFP - The Lancet

AGI - Una gravidanza su sette in tutto il mondo si conclude con un aborto spontaneo, e l'undici per cento delle donne subisce una gravidanza fallita almeno una volta nella vita. Circa 23 milioni di aborti si verificano ogni anno, secondo i dati raccolti in tutto il mondo e condensati in tre studi da un team internazionale di 31 ricercatori, dati pubblicati su The Lancet. Il due per cento delle donne ha avuto due aborti spontanei, mentre meno dell'uno per cento ne ha avuti tre o più.

Sottovalutazione del problema

I livelli di cura per le donne che soffrono di aborto spontaneo sono altamente disomogenei tra i paesi, hanno dimostrato le tre ricerche. "Un nuovo sistema è necessario per garantire che gli aborti spontanei siano meglio riconosciuti e che le donne ricevano l'assistenza sanitaria fisica e mentale di cui hanno bisogno", hanno dichiarato i ricercatori.

Idee sbagliate sull'aborto spontaneo sono purtroppo molto diffuse. Molte donne credono che si verifichino solo raramente, o che possano essere causati dal sollevamento di oggetti pesanti o da un precedente uso di contraccettivi. Idee sbagliate e dannose che lasciano spesso nelle donne e nei loro partner un senso di colpa, scoraggiandoli dal cercare cure e supporto.

"Il silenzio intorno all'aborto spontaneo riguarda non solo le donne che lo sperimentano, ma anche il personale sanitario, i politici e i finanziatori della ricerca", ha detto il co-autore dello studio Siobhan Quenby, professore presso l'Università di Warwick e direttore del Centro nazionale di ricerca sull'aborto spontaneo di Tommy.

Fattori di rischio

È definito aborto spontaneo la perdita di una gravidanza prima delle 20-24 settimane di gestazione, con il periodo che varia da paese a paese. Molte sono le cause di aborto spontaneo, tra cui un'età materna più avanzata e aborti precedenti. Fattori di rischio correlati alle gravidanze che terminano spontaneamente sono l'essere sotto o sovrappeso, il fumo, il consumo di alcol, lo stress persistente, i turni di notte e l'esposizione costante all'inquinamento atmosferico o ai pesticidi.

Le conseguenze per la salute possono essere gravi, soprattutto per le donne che sperimentano un secondo o più aborti spontanei. "L'aborto ricorrente è un'esperienza devastante per la maggior parte delle donne, ma l'impatto sulla salute mentale è raramente riconosciuto o affrontato nelle cure mediche", ha detto il co-autore principale Arri Coomarasamy, dell'Università di Birmingham.

"Le donne possono sperimentare traumi e lutti, che possono non avere alcun segno evidente e possono non essere riconosciuti". C'è anche un legame con l'ansia, la depressione e - per circa il 20 per cento delle donne - un disturbo da stress post-traumatico nove mesi dopo un aborto spontaneo. Gli autori dei tre studi hanno notato che la maggior parte dei dati proviene dalle nazioni più ricche. "Per troppo tempo l'aborto spontaneo è stato minimizzato e spesso liquidato", si legge sull'editoriale di The Lancet. "La mancanza di progresso medico dovrebbe essere scioccante, invece c'è un'accettazione pervasiva".