A Tuscania una mula ha partorito un puledro

A Tuscania una mula ha partorito un puledro

Gli esperti spiegano che "si tratta infatti di un fenomeno molto raro: il mulo è la prole ibrida tra una cavalla e un asino e dovrebbe essere sterile, ma non in questo caso"

caso rarissimo a tuscania mula partorisce puledro

AGI - Una mula fecondata da un asino Amiatino ha dato alla luce un puledro maschio nella zona rurale di Tuscania in provincia di Viterbo: i ricercatori Stefano Capomaccio, genetista del Centro di Ricerca del Cavallo Sportivo, e Maurizio Monaci, ginecologo del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Perugia, hanno avviato uno studio per comprendere come sia stato possibile. "Si tratta infatti di un fenomeno molto raro - sottolinea il professor Monaci -: il mulo è la prole ibrida tra una cavalla e un asino e dovrebbe essere sterile, ma non in questo caso". Il lieto e straordinario evento è avvenuto lo scorso 17 aprile, durante l'emergenza Coronavirus, a Tuscania, nella Fattoria di Redelmo e Luca Mattioli, appassionati allevatori di cavalli e muli da piu' generazioni. La mula Tuona e il suo puledro Quarantena (è nato durante l'emergenza COVID-1, da qui la scelta del nome) insieme al padre Lampo sono diventati un'attrazione locale e sono stati tanti i curiosi che hanno voluto rendere omaggio alla nascita della rara creatura.

"Un cavallo ha 64 cromosomi e un asino ne ha 62, quindi un mulo rimane con 63, un numero irregolare che non puo' essere diviso in coppie: ciò dovrebbe impedire a un mulo di riprodursi", aggiunge il professor Capomaccio. "Stiamo dunque indagando, con tecnologie all'avanguardia - spiega - le cause della inusuale gravidanza a livello molecolare. Forse la scienza riuscirà a spiegarci il perchè Quarantena somiglia un po' a un asino e un po' a un mulo, ma non esattamente ad uno di essi".

"L'evento è così raro che i latini avevano coniato un proverbio Cum mula peperit, che significa appunto quando una mula potrà partorire - ha spiegato dottoressa Alessia Ciaramelli, ippiatra e specialista in neonatologia che ha assistito madre e figlio nelle fasi del post partum -. Quando accadde in Marocco, le popolazioni locali temevano che segnasse l'inizio della fine del mondo o, come in un villaggio dell'Albania, che l'evento fosse la progenie del diavolo".

La nascita è stata dunque un piccolo 'miracolo', un fenomeno molto raro notato per la prima volta dal filosofo e scienziato Aristotele. Ci sono stati pochissimi casi comprovati di un mulo che ha partorito negli ultimi quaranta anni: in Marocco nel 1984 e nel 2002, in Cina nel 1988, in Albania nel 1994 e in Colorado nel 2007. Dal 1527, per nostra conoscenza, ci sono stati solo un totale di 60 casi di mule che hanno partorito.