Gli antinfiammatori per il mal di schiena a lungo termine possono essere un boomerang

Gli antinfiammatori per il mal di schiena a lungo termine possono essere un boomerang

A dirlo è uno studio condotto dalla McGill University di Montreal e pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine

con antinfiammatori rischio mal di schiena lungo termine

© LEA PATERSON/AGF - Mal di schiena

AGI - I farmaci antiinfiammatori alleviano il mal di schiena a breve termine, ma potrebbero bloccare la guarigione della lesione e quindi causare un dolore peggiore a lungo termine. A dirlo è uno studio condotto dalla McGill University di Montreal e pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine.

Luda Diatchenko e i suoi colleghi hanno studiato 98 persone che avevano recentemente sviluppato dolore lombare. I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue e li hanno analizzati per vedere quali geni erano attivi nelle cellule immunitarie. In coloro il cui dolore è diminuito nei tre mesi successivi, un tipo di cellula immunitaria infiammatoria, i neutrofili, ha mostrato livelli di attività più elevati rispetto alle persone il cui dolore persisteva.

Ciò suggerisce che alcune cellule infiammatorie possono aiutare le persone a superare il dolore, un processo che potrebbe essere interrotto dai farmaci antinfiammatori. Il mal di schiena è una delle condizioni più comuni in tutto il mondo, a soffrirne sono quattro persone su cinque, ma le cause non sempre sono chiare.

Poiché gli antidolorifici oppioidi possono creare dipendenza, i medici possono invece prescrivere farmaci antinfiammatori. I due farmaci analizzati sono chiamati desametasone e diclofenac e sono comunemente usati per il mal di schiena. I farmaci possono interferire con i normali processi del corpo per la guarigione del tessuto danneggiato, suggerisce la ricerca in fase iniziale. Ma l'idea non è stata ancora testata in uno studio randomizzato, che fornisce il miglior tipo di prova medica.

"L'infiammazione è dolorosa, ma questa infiammazione è necessaria affinché il nostro corpo risolva il dolore", afferma Diatchenko. "La risoluzione del dolore è un processo attivo che richiede l'attivazione dei neutrofili". Per vedere davvero se i farmaci antinfiammatori fanno persistere il mal di schiena, avremmo bisogno di uno studio randomizzato che confronti diversi tipi di antidolorifici, afferma Gene Feder, un medico di Bristol nel Regno Unito, specializzato nel trattamento del mal di schiena. "Per cambiare il mio comportamento di prescrizione, vorrei davvero assistere a un processo umano. Questo mi lascia con molta incertezza".