Una dieta ipocalorica potrebbe rallentare la crescita dei tumori

Una dieta ipocalorica potrebbe rallentare la crescita dei tumori

A rivelarlo uno studio, pubblicato sulla rivista Nature, condotto dagli scienziati del Massachusetts Institute of Technology

dieta ipocalorica potrebbe rallentare crescita tumori

 cellule tumorali tumore cancro - afp

AGI - Una dieta ipocalorica può ridurre la disponibilità di acidi grassi, il che può portare a un rallentamento nello sviluppo dei tumori. A rivelarlo uno studio, pubblicato sulla rivista Nature, condotto dagli scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT), che hanno utilizzato un modello murino per esaminare i meccanismi tramite cui l'alimentazione può influenzare la crescita di cellule tumorali.

Il team, guidato da Matthew Vander Heiden, ha sottoposto un gruppo di topi a diversi regimi alimentari associati a un ridotto apporto di zuccheri. Gli animali hanno seguito diete ipocaloriche e chetogeniche, ma solo la prima tipologia sembrava in grado di diminuire la disponibilità di acidi grassi, il che ha suscitato un rallentamento nel decorso del tumore pancreatico nei topolini.

"Ci sono molte evidenze del fatto che l'alimentazione possa influenzare la velocità di progressione del cancro - afferma Vander Heiden - ma è importante sottolineare che non si tratta di cure o rimedi. Questi risultati, inoltre, non supportano l'adozione di diete ipocaloriche per i pazienti oncologici. Saranno tuttavia necessari ulteriori studi per valutare la possibilità di introdurre alcuni accorgimenti a livello alimentare in determinati pazienti".

Precedenti studi indicano che una dieta ipocalorica, con un consumo calorico ridotto dal 25 al 50 per cento, può rallentare la crescita dei tumori, mentre non ci sono prove dell'efficacia di alimentazioni chetogeniche.

"Le cellule cancerose consumano una grande quantità di glucosio - aggiunge Evan Lien, del MIT - per cui è stato ipotizzato che la dieta chetogenica potesse ridurre la quantità di glucosio disponibile per il tumore. Il nostro lavoro dimostra tuttavia che un'alimentazione ipocalorica è associata a effetti più significativi".

I ricercatori hanno anche esaminato una coorte di pazienti con tumore pancreatico, valutando gli effetti di diversi regimi alimentari. "Non abbiamo dati abbastanza completi per trarre conclusioni definitive sulle conseguenze della dieta nella popolazione umana - riporta Brian Wolpin, un oncologo del Dana-Farber Cancer Institute e coautore dell'articolo - l'alimentazione povera di calorie può essere difficile da mantenere e può anche provocare effetti collaterali dannosi. È presto quindi per raccomandare determinati comportamenti alimentari ai pazienti oncologici, ma potremmo essere sulla buona strada per individuare i processi biologici che collegano la dieta alla velocità di crescita dei tumori".