Il Covid 19 potrebbe infettare i testicoli

Il Covid 19 potrebbe infettare i testicoli

Uno studio sui criceti contagiati dal coronavirus potrebbe spiegare il motivo per cui molti pazienti affetti dal Covid 19 hanno riportato dolore ai testicoli o una diminuzione nei livelli di testosterone

covid virus potrebbe infettare testicoli

© ARNE DEDERT / DPA / dpa Picture-Alliance via AFP 
-

AGI – Il nuovo coronavirus può provocare infezioni ai testicoli nei criceti contagiati. A scoprirlo gli scienziati dell’Università del Texas Medical Branch (UTMB), che hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista Microorganisms.

Lo studio, sottolineano gli autori, potrebbe contribuire alla spiegazione dei disturbi sperimentati da alcuni pazienti Covid-19, che hanno riportato dolore ai testicoli o una diminuzione nei livelli di testosterone.

A capo dello studio Rafael Kroon Campos, titolare di una borsa di ricerca presso il laboratorio di Shannan Rossi, dell’UTMB, che si occupa da anni dell’infezione del virus Zika nei testicoli.

Il team ha rilevato SARS-CoV-2 nei testicoli di tutti i criceti infetti durante la prima settimana, ma i livelli di attività virale sono diminuiti gradualmente.

“Vista l’enorme diffusione della pandemia – afferma Kroon Campos – è fondamentale indagare su come Covid-19 possa influenzare la salute riproduttiva maschile”.

“Il nostro lavoro potrebbe essere un primo passo per capire come la malattia da nuovo coronavirus possa alterare il tratto genitale maschile – osserva Rossi – ma è presto per avere il quadro completo delle implicazioni sulla sessualità, dato che siamo partiti da un modello animale. Nei prossimi studi, cercheremo di approfondire questi aspetti e l’impatto di farmaci, terapie anticorpali, antivirali e vaccini”.

Gli scienziati concludono che saranno utili anche delle modellizzazioni delle condizioni associate a sintomatologie più acute e comorbilità in relazione all’impatto della malattia sui testicoli umani.