Un paziente su dieci ha postumi 8 mesi dopo aver contratto il virus

Un paziente su dieci ha postumi 8 mesi dopo aver contratto il virus

Lo studio: i sintomi a lungo termine più comuni sono perdita dell'olfatto, del gusto e stanchezza

covid sintomi postumi 8 mesi dopo

Covid, paziente a casa

AGI - Anche se lievi le infezioni Covid-19 possono avere un impatto a lungo termine. Uno studio del Danderyd Hospital e del Karolinska Institutet in Svezia ha scoperto che otto mesi dopo una forma lieve di Covid-19, una persona su dieci presenta ancora almeno un sintomo da moderato a grave che viene percepito negativamente per l'impatto sulla propria vita lavorativa, sociale o domestica. I sintomi a lungo termine più comuni sono perdita dell'olfatto, del gusto e stanchezza. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA.

Dalla primavera del 2020, i ricercatori hanno condotto il cosiddetto studio Community con lo scopo di esaminare l'immunità dopo Covid-19. Nella prima fase dello studio sono stati raccolti campioni di sangue da 2.149 dipendenti del Danderyd Hospital, di cui circa il 19 per cento aveva anticorpi contro SARS-CoV-2.

Da allora sono stati raccolti campioni di sangue ogni quattro mesi e i partecipanti allo studio hanno risposto a questionari riguardanti i sintomi a lungo termine e il loro impatto sulla qualità della vita. Nel terzo follow-up nel gennaio 2021, il team di ricerca ha esaminato i sintomi "auto-segnalati" a lungo termine e il loro impatto sulla vita lavorativa, sociale e domestica per i partecipanti che avevano avuto un'infezione Covid-19 lieve almeno otto mesi prima.

Questo gruppo era composto da 323 operatori sanitari (83 per cento donne, età media 43 anni) ed è stato confrontato con 1.072 operatori sanitari (86 per cento donne, età media 47 anni) che non hanno avuto Covid-19 durante il periodo di studio.

I risultati mostrano che il 26 per cento di coloro che avevano precedentemente avuto Covid-19, rispetto al 9 per cento nel gruppo di controllo, aveva almeno un sintomo da moderato a grave che è durato più di due mesi e che l'11 per cento, rispetto al 2 per cento nel gruppo di controllo gruppo, ha avuto almeno un sintomo con impatto negativo sulla vita lavorativa, sociale o domestica che è durato almeno otto mesi.

"Abbiamo studiato - spiega afferma Charlotte Thalin, medico specialista e capo ricercatore per lo studio Community presso il Danderyd Hospital e il Karolinska Institutet - la presenza di sintomi a lungo termine dopo Covid-19 lieve in un gruppo relativamente giovane e sano di individui che lavorano, e abbiamo scoperto che i sintomi predominanti a lungo termine sono la perdita dell'olfatto e del gusto. Affaticamento e problemi respiratori sono anche più comuni tra i partecipanti che hanno avuto Covid-19 ma non si sono verificati nella stessa misura.

Tuttavia, non vediamo una maggiore prevalenza di sintomi cognitivi come affaticamento cerebrale, problemi di memoria e concentrazione o disturbi fisici come dolori muscolari e articolari, palpitazioni cardiache o febbre a lungo termine". Lo studio Community continuerà ora, con il prossimo follow-up che avrà luogo a maggio, quando si prevede che un'ampia percentuale di partecipanti allo studio sarà vaccinata. Oltre al monitoraggio dell'immunità e del verificarsi di reinfezioni, sono previsti diversi altri obiettivi riguardanti il post-Covid. "Tra le altre cose, studieremo più da vicino la perdita dell'olfatto e del gusto associata a Covid-19 e indagheremo se il sistema immunitario, inclusa l'autoimmunità, gioca un ruolo nel post-Covid", afferma Thalin.