I farmaci per l'ipertensione non hanno effetti negativi sui pazienti Covid

I farmaci per l'ipertensione non hanno effetti negativi sui pazienti Covid

Uno studio Usa ha invece evidenziato che interrompere questi farmaci inutilmente può aumentare il rischio di gravi complicazioni, tra cui infarto e ictus

effetti negativi farmaci contro ipertensione pazienti covid

© TREVISAN / NURPHOTO /AFP 
-

AGI - I farmaci per il trattamento dell'ipertensione non hanno effetti negativi sui pazienti ricoverati con Covid-19. Lo conferma un team internazionale guidato da ricercatori della Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania. 

Lo studio, pubblicato sulla rivista The Lancet Respiratory Medicine, è il primo controllato randomizzato a dimostrare che non vi è alcun rischio per i pazienti che continuano a prendere questi farmaci mentre sono ricoverati in ospedale per Covid-19.

In particolare, i ricercatori hanno esaminato se gli ACE inibitori (ACEI) o gli antagonisti del recettore dell'angiotensina (ARB), due classi di farmaci usati per il trattamento dell'ipertensione, potessero aiutare a mitigare le complicazioni o al contrario causare sintomi più gravi. 

All'inizio della pandemia, si temeva l'uso di ACEI o ARB, poiché alcuni studi avevano suggerito che questi farmaci potessero sovraregolare i recettori cellulari per il virus SARS-CoV-2, potenzialmente aiutando la replicazione virale

Tuttavia, si è anche considerato che alcuni effetti di questi farmaci potrebbero essere protettivi contro il virus

 "Gli studi osservazionali sono stati condotti rapidamente, ma gli studi randomizzati sono importanti per stabilire una risposta definitiva riguardo al potenziale impatto di questi farmaci per la pressione sanguigna comunemente usati - dice Julio A. Chirinos, tra gli autori principali dello studio presso la Perelman School of Medicine -. I risultati dei nostri studi dimostrano in modo importante che i pazienti ospedalizzati con Covid-19 possono continuare a usare questi farmaci in sicurezza".

Per lo studio, i ricercatori hanno arruolato 152 pazienti con Covid-19 in diversi paesi tra il 31 marzo e il 20 agosto 2020, che erano stati ricoverati in ospedale e che stavano già utilizzando uno dei farmaci. 

I partecipanti sono stati scelti in modo casuale (quali dovevano interrompere o continuare a prendere i farmaci prescritti) e sono stati monitorati attentamente per valutare l'effetto dell'interruzione temporanea della terapia.

Analizzando i dati sugli esiti dei pazienti, il team ha scoperto che l'interruzione di ACEI e ARB rispetto alla continuazione di questi farmaci non ha avuto alcun effetto

Questa evidenza supporta il mantenimento della terapia con ACEI e ARB nei pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19, a meno che non vi sia un problema medico chiaro e alternativo con la terapia in corso.

"All'inizio della pandemia, i pazienti erano preoccupati per il danno percepito sulla base di informazioni limitate e incomplete e, sfortunatamente, alcuni hanno insistito per interrompere i loro farmaci. Tuttavia, interrompere questi farmaci inutilmente può aumentare il rischio di gravi complicazioni, tra cui infarto e ictus", avverte il primo autore dello studio Jordana B. Cohen. 

"Ora abbiamo prove di alta qualità a sostegno della nostra raccomandazione che i pazienti continuino a prendere questi farmaci come prescritto", aggiunge. 

Attualmente sono in corso studi per determinare se l'uso di questi farmaci è efficace per il trattamento di Covid-19.