Gli effetti del 'cibo spazzatura' sulla nostra memoria

Gli effetti del 'cibo spazzatura' sulla nostra memoria

Una ricerca condotta su 20 giovani volontari che per una settimana si sono nutriti di cibi grassi e ricchi di zuccheri ha evidenziato i danni sulla capacità di ricordare e lo sviluppo di una sorta di dipendenza

cibo spazzatura effetti memoria

 cibo spazzatura 

Lo stile di vita - e in particolare l'alimentazione - occidentale potrebbe danneggiare la nostra memoria. A dirlo una ricerca pubblicata su Royal Society Open Science e condotta dalla Macquarie University di Sydney su 20 ragazzi volontari che, dopo una settimana di pasti ricchi di zuccheri e grassi hanno riportato un peggioramento nei test incentrati sulla memoria, nonché lo sviluppo di una sorta di dipendenza dal cosiddetto “cibo spazzatura”.

Attenzione: il problema potrebbe essere più psicologico che chimico. A portare avanti la ricerca e a spiegarla a The Guardian è Richard Stevenson, professore di psicologia: “Dopo una settimana di dieta occidentale, cibi appetibili come snack e cioccolato diventano più desiderabili anche quando si è sazi. Questo rende più difficile resistere, portandoti a mangiare di più, il che a sua volta genera più danni all'ippocampo e un circolo vizioso di eccesso di cibo”.

In realtà questo nuovo studio non fa che confermarne uno del 2017 condotto però sugli animali: il cibo spazzatura - è scientificamente provato . interviene in maniera dannosa e determinante sull’ippocampo, una regione del cervello coinvolta nei processi legati alla memoria e al controllo dell'appetito.

È interessante notare come queste due caratteristiche, appetito e memoria, siano strettamente legate. In pratica, l’ippocampo quando siamo sazi, in qualche modo blocca i ricordi piacevoli legati al cibo, che così ci appare meno attraente, meno desiderabile; se l’ippocampo però non fa il suo dovere, ecco che i ricordi legati a sapori, odori, esperienze culinarie passate, ci assalgono, così torna la fame anche quando il nostro corpo non ne ha necessità.

Per sviluppare questo upgrade gli scienziati hanno selezionato 110 studenti magri e sani, di età compresa tra i 20 e i 23 anni, che conducevano mediamente una buona dieta. Metà di questi ragazzi è stata assegnata a un gruppo che ha proseguito con la propria normale dieta, l'altra metà è andata avanti per una settimana con un regime alimentare che prevedeva una generosa assunzione di waffle e cibo da fast food.

I risultati sono chiari e, sempre secondo Stevenson, altamente allarmanti: “Dimostrare che certi alimenti possono portare a lievi menomazioni cognitive che influenzano l'appetito e promuovere l'eccesso di cibo nei giovani, altrimenti sani, dovrebbe essere una scoperta preoccupante per tutti”.

Naturalmente i problemi all’ippotalamo sono solo gli ultimi cronologicamente rilevati in tema di regime alimentare, è stato già ampiamente documentato come la nostra dieta dissennata contribuisca allo svilupparsi di problemi gravi come l’obesità e il diabete, che sono stati entrambi collegati al calo delle prestazioni cerebrali e al rischio di sviluppare demenza. Rachel Batterham, professoressa specializzata in obesità, diabete ed endocrinologia all'University College di Londra, non coinvolta nello studio, ha commentato: “Comprendere l'impatto di una dieta occidentale sulla funzione cerebrale è una questione urgente”.