Google mette a bando la pubblicità delle cure mediche "non approvate o sperimentali"

Il motore di ricerca ha emesso nuove linee guida dopo aver registrato un aumento dell'offerta di trattamenti ingannevoli

google pubblicita medicine alternative
 Afp
 Google

Google mette al bando le pubblicità di cure mediche "non approvate o sperimentali", comprese la maggior parte delle terapie geniche o con cellule staminali. "Alcuni contenuti relativi all'assistenza sanitaria non potranno essere visualizzati negli annunci in alcun modo, mentre altri potranno essere promossi solo se l'inserzionista ha la certificazione Google pertinente e indirizza i propri annunci solo verso i Paesi ammessi", spiega Google nella sua nuova linea guida pubblicata.

La società - prosegue la controllata di Alphabet - è regolata da norme pubblicitarie in materia di assistenza sanitaria e medicinali, pertanto garantisce che le pubblicità che compaiono sul suo sito Web "debbano essere conformi alla legge e agli standard di settore corrispondenti". "Prendiamo molto sul serio le violazioni di questa politica (ad esempio, attività criminali o pubblicità ingannevoli) e le consideriamo gravi, poiché rappresentano un rischio per la sicurezza dei nostri utenti o delle loro proprietà", avverte. Per determinare se un inserzionista o un sito web di destinazione viola questa politica, Google potrà esaminare le informazioni provenienti da varie fonti, tra cui annunci, siti, account e altre fonti di terze parti. 

Il gigante di Internet ha preso questa decisione dopo aver notato - spiegano dall'azienda - "un aumento degli attori malintenzionati" cercando di trarre vantaggio dai pazienti offrendo "trattamenti ingannevoli e non dimostrati". "Questi trattamenti possono portare a esiti pericolosi per la salute e non possono avere spazio sulle nostre piattaforme. Proibiremo la pubblicità di trattamenti che non hanno una base biomedica o scientifica consolidata".

In alcune pubblicità, le cliniche che usano cellule staminali hanno detto ai pazienti che i loro trattamenti possono aiutarli con malattie come la degenerazione maculare, la sclerosi laterale amiotrofica (Sla), la sclerosi multipla e le malattie polmonari degenerative. Scienziati e associazioni mediche hanno criticato il fatto che queste compagnie intendono approfittare delle speranze di pazienti gravemente malati. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it