Toninelli cita un manuale di diritto costituzionale per criticare Mattarella, ma sbaglia

Il capogruppo al Senato dei pentastellati fotografa solo una parte di un testo che in sostanza conferma come legittimo il veto del Capo dello Stato. Critiche e ironie sui social, che lo accusano di diffondere fake news

Toninelli cita un manuale di diritto costituzionale per criticare Mattarella, ma sbaglia

Danilo Toninelli, deputato del Movimento 5 stelle e capogruppo dei grillini al Senato, su Twitter pubblica una pagina di un testo, “Istituzioni di diritto pubblico”, che attribuisce al costituzionalista Costantino Mortati. Lo fa per sostenere la tesi che vorrebbe Mattarella colpevole di aver forzato la procedura della nomina dei ministri opponendosi a Savona.

Ma in pochi minuti su Twitter Toninelli viene duramente criticato per due ragioni: il testo citato non è quello di Mortati da di Temistocle Martines, ma soprattutto perché quel testo, se letto per intero e non solo nello stralcio che il politico condivide ai suoi follower, sostiene esattamente quello che molti costituzionalisti dicono: Mattarella si è comportato nel pieno dei suoi poteri costituzionali. Magari il veto su un ministro è opinabile dal punto di vista politico, ma comunque legittimo perché non si tratta di "scegliere" i ministri, che il Quirinale non può, ma "nominarli", dove il Presidente ha margini. 

“Questo è Costantino #Mortati nel verbale della seduta del 4 gennaio 1947. Cito: "Ministri, che dovrebbero, quindi, godere tanto della fiducia del Presidente della Repubblica che del Primo Ministro””, gli fanno notare su Twitter, ricordando al politico penta stellato un passaggio storico della formazione della nostra costituzione. Ma i toni non sono sempre gentili. E Toninelli si è trovato in pochi minuti sommersi dagli interi stralci del testo. Con toni non sempre concilianti.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it