La Francia attacca Salvini sui migranti e lui replica: "Prossimi barconi? Destinazione Marsiglia"

La portavoce del governo francese, Sibeth Ndiyaye. "Comportamento inaccettabile"

Sea Watch scontro Francia Salvini
DOMINIQUE FAGET / AFP
Sibeth NDiaye

L'Italia "non è un Paese indegno" ma sui migranti il comportamento del ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, "non è accettabile": ad affermarlo è la portavoce del governo francese, Sibeth Ndiaye, che in un'intervista all'emittente BFMTV sul caso Sea-Watch ha lamentato che il nostro Paese sull'accoglienza "non è stato all'altezza".

Nell'intervista la portavoce del governo francese sottolinea: "Stiamo parlando di vite umane: se le leggi del mare si possono applicare, allora devono essere applicate". 

 

Il 30 giugno, sempre la Ndiaye aveva detto che Francia "si rammarica" che si "sia arrivati a questa situazione perché il governo italiano sceglie una strategia per rendere isterico" il dibattito su "argomenti dolorosi".

A stretto giro la replica del vicepremier italiano: "Il mio comportamento sull'immigrazione è inaccettabile? Il governo francese la smetta di insultare e apra i suoi porti, gli italiani hanno già accolto (e speso) anche troppo. Prossimi barconi? Destinazione Marsiglia".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it