Scuola, Di Maio: "Il ministro Bussetti ha detto una fesseria, chieda scusa"

Non si placano le polemiche sul ministro dell'Istruzione che ieri ha detto: "Alle scuole del sud non servono più fondi, ma più impegno"

scuola di maio bussetti 
 (Agf)
  Luigi Di Maio 

"Se un Ministro dice una fesseria sulla scuola, chiede scusa. Punto". Lo scrive Luigi Di Maio dopo le parole del ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, sulle scuole del Sud. Venire in una delle aree più in difficoltà d'Italia a dire - usando il 'voi' - che per ridurre il gap nelle scuole del sud 'vi dovete impegnare di più' farebbe girare le scatole anche ad un asceta. Figurarsi gli insegnanti!", scrive il vicepremier e ministro dello Sviluppo, Luigi Di Maio.

E su Facebook incalza: "Caro Marco, siamo noi al Governo che evidentemente dobbiamo impegnarci sempre di più. Soprattutto sulla scuola, che richiede interventi storici per le condizioni veramente indegne in cui versano tante strutture. Ci sono genitori preoccupatissimi per lo stato degli edifici scolastici e ci sono studenti che fanno lezione in condizioni imbarazzanti. Siamo noi che dobbiamo fare di piu' e ogni cosa che faremo non sara' mai abbastanza".

Ieri il ministro Bussetti ad un giornalista che lo intervistava mentre era in visita ad alcune scuole di Afragola e Caivano, in Campania, aveva detto: "Cosa arriverà qui al sud per recuperare il gap con le scuole del nord. Più fondi?", chiede l'intervistatore. "No. Più sacrificio, più lavoro, più impegno. Vi dovete impegnare forte". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.