Lezioni di ruspa. Il 1 maggio di Matteo Salvini

A furia di evocarla, il leader leghista ha deciso di imparare a guidarne una

Lezioni di ruspa. Il 1 maggio di Matteo Salvini

Prima o poi doveva accadere. A furia di evocare la ruspa, contro gli insediamenti nomadi abusivi o contro gli avversari politici, Matteo Salvini ha deciso di imparare a guidarne una. Così, dopo gli impegni elettorali precedenti al voto in Friuli Venezia Giulia e galvanizzato dalla schiacciante vittoria del suo candidato Massimiliano Fedriga, il leader leghista ha deciso di rilassarsi il 1 maggio prendendo "lezioni di ruspa", ovvero imparando in concreto a utilizzarla. A testimoniarlo è un video condiviso sulla sua pagina Facebook, al termine del quale tuona sorridente: "RUSPA"! mentre un addetto ai lavori gli spiega come manovrare il braccio escavatore.  

A esser pignoli, il mezzo in azione sembrerebbe essere una scavatrice, ma poco importa. Il messaggio, corredato dalla solita hashtag "andiamo a governare", è chiaro: dopo il verdetto degli elettori friulani e il naufragio della trattativa tra Pd e Cinque stelle, il centrodestra a trazione leghista vuole un incarico dal Quirinale per poi cercarsi i voti in Aula. Se il candidato sarà Salvini o il suo più moderato braccio destro Giancarlo Giorgetti, che dovrebbe essere assai più gradito ai dem e potrebbe aprire una breccia nei renziani che hanno avversato l'intesa con Di Maio, lo scopriremo nei prossimi giorni. Sempre che Mattarella​, ostile a qualsiasi incarico che non parta già con una maggioranza in Parlamento, sia aperto a tale prospettiva. E che il veto dello stesso Salvini nei confronti del Pd sia revocabile, qualora il Colle voglia tentare il tutto per tutto prima di valutare l'ipotesi di nuove elezioni.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it