Stop di Renzi alle polemiche, "il Matteo da battere è un altro..."

Il leader del Pd: "Ricambio fisiologico, per le elezioni ho messo in campo la squadra migliore"

Stop di Renzi alle polemiche, "il Matteo da battere è un altro..." 
Foto: Alessandro Serrano' / Agf 

"Io sono molto diverso da come pensate che sia: umanamente mi dispiace profondamente. Detto questo, poi, le cose veramente gravi sono altre, c'è chi non arriva a fine mese". Matteo Renzi prova a mettere il punto alle polemiche sugli esclusi e lanciare una volta per tutte la campagna elettorale dalla quale spera di uscire con il Partito Democratico prima forza del parlamento. Anche perché, come sottolinea, "il Matteo da battere è Salvini, non Renzi".

"Un ricambio fisiologico"

La giornata di oggi, tuttavia, è costellata di polemiche. Con la minoranza interna che lo accusa di aver rifiutato il confronto sulla preparazione delle liste; con chi non ha ottenuto il seggio desiderato; addirittura con il ministro Carlo Calenda che lamenta la rinuncia a persone preparate come Irene Tinagli o Luigi Manconi.

Certo, comprensibile l'amarezza, "ma il ricambio è fisiologico, è un fatto umano". Anche se si tratta di Claudio De Vincenti, il sottosegretario con il quale Renzi, da presidente del Consiglio, aveva instaurato un forte legame: "Abbiamo chiesto al ministro De Vincenti di candidarsi con noi, evidentemente c'è stato un fraintendimento e ci ha risposto con un secco No. Si tratta di capire se c'è uno spazio con le rinunce. Vedremo se troveremo una soluzione, stimo molto De Vincenti".

La rinuncia di Cuperlo

Di Gianni Cuperlo che ha rinunciato al collegio di Sassuolo, Renzi si limita a dire che non è sua intenzione alimentare polemiche. Anche perché a fronte di chi resta fuori c'è da promuovere le personalità che entrano, a partire dall'uomo simbolo della campagna elettorale Paolo Siani. E con questo siamo già in campagna elettorale, che Renzi immagina concreta, senza fronzoli, tutta centrata sui contenuti delle cose buone fatte dai governi Pd e delle cose che rimangono da migliorare. Un derby fra responsabilità, quella del Pd, e gli "avventurieri" Salvini-Di Maio-Berlusconi.

Renzi si dice sicuro di avere dalla sua il partito senza eccezione alcuna e di "aver messo in campo la squadra migliore", a cominciare dai ministri che il segretario ringrazia uno ad uno. Come spesso succede nei momenti di difficoltà, il segretario ostenta ottimismo. Tanto da tornare a sfidare Berlusconi, Salvini e Di Maio in tv. "Ci avevano chiesto un incontro, i confronti e i duelli. Lo sto ancora aspettando. Sto aspettando che Di Maio accetti il mio invito. Se Di Maio ha tempo, quando ha tempo, noi siamo pronti a discutere". E a Matteo Salvini: "Aveva detto che sarebbe venuto a sfidarmi nel mio collegio, ma deve avere cambiato idea". Infine Silvio Berlusconi: "Credo non faccia confronti da Occhetto. C'è stato quello con Prodi, dopo, ed ha perso".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it