"Abbiamo votato M5s, dateci il modulo per avere reddito di cittadinanza"

A Bari e Palermo i primi episodi registrati dai Caf e dai comuni. Non si tratterebbe di folle oceaniche, ma molta gente starebbe chiedendo informazioni su tempistiche e come ottenerlo. Ma c'è chi ridimensiona il fenomeno

"Abbiamo votato M5s, dateci il modulo per avere reddito di cittadinanza"

 

Questo post è stato modificato alle 20.56 aggiungendo la parziale smentita di Porta futuro Bari, pubblicata nel pomeriggio, che ridimensiona quanto denunciato in mattinata.

"Vorremmo compilare i moduli per ottenere il reddito di cittadinanza". È la domanda che molti cittadini di Giovinazzo (Bari), hanno posto agli addetti dei Caf cittadini, alcuni già lunedì mattina, a poche ore dalla chiusura dei seggi e del responso delle urne. "Hanno vinto i 5 stelle, l'ha detto la televisione", hanno affermato in tanti, in particolare ragazzi e disoccupati, agli addetti dei patronati che hanno dovuto spiegare loro come non esistesse alcun modulo per la richiesta del Reddito di Cittadinanza. Più di una persona, non convinta delle risposte, si è persino rivolta al Comune, chiedendo spiegazioni in merito.

A 'Porta futuro' a Bari, racconta un responsabile a Repubblica "sono una cinquantina le persone che tra ieri e oggi hanno chiesto i moduli per ottenere il reddito di cittadinanza, si tratta soprattutto di giovani". Ovviamente - aggiunge Franco Lacarra - non si tratta di folle oceaniche, ma comunque è certo che molta gente è alla ricerca dei moduli per ottenere il reddito di cittadinanza e ci chiede informazioni".  "Sono soprattutto i giovani - aggiunge - che ci chiedono informazioni, naturalmente anche i Caf potranno dare una descrizione su quello che sta accadendo".

Qualche ora fa su Facebook Porta Futuro Bari conferma che ci sono stati casi di richiesta di informazioni sul reddito di cittadinanza, ma ridimensiona il fenomeno sostenendo che ciò "succede ogni volta che vengono divulgate notizie rilevanti per le politiche del lavoro e per la vita dei cittadini, come è avvenuto per altre proposte legislative promosse negli ultimi mesi".

Lo stesso episodio, come raccontato in un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, si è verificato a Giovinazzo dove il primo cittadino, Tommaso Depalma (lista civica), ha commentato: "A noi sindaci piacerebbe poter comunicare ai cittadini che il problema della disoccupazione è risolto e che per tutti quelli che non hanno lavoro c’è un reddito di cittadinanza, ma credo che i cittadini siano stati ammaliati da spot elettorali" (Corriere della Sera).

Casi analoghi, scrive Il Sole 24 Ore, si sarebbero verificati anche in Sicilia. Decine di persone si sono presentate al Caf “Asia” di piazza Marina, a Palermo, per chiedere i moduli, convinti che dopo la vittoria elettorale dei Cinque Stelle la misura fosse già in vigore. Da ieri pomeriggio è un continuo via vai per inoltrare la domanda al patronato dell’Ente nazionale di assistenza sociale ai cittadini (Enasc), tanto che i responsabili del Caf hanno dovuto affiggere fuori un foglio con la scritta in italiano e in arabo.

Nelle ore successive la notizia è stata ripresa da tutti i quotidiani nazionali, salvo poi una parziale smentita di alcuni Caf. "Una fake news o il primo, vero effetto della vittoria grillina nell’immaginario collettivo popolare?", si chiede Il Fatto Quotidiano, che si  risponde: "Più semplicemente una notizia ingigantita" perché gli stessi Caf che l'avrebbero fatta circolare hanno successivamente ridimensionato il fenomeno.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it