"Lo faccio per il bene del Pianeta". Razzi parte per la Corea del Nord

Lo ha detto ieri in un'intervista a Radio Cusano Campus, il commento di Gramellini sul Corriere: "Un tempo erano Kennedy Krushev e Papa Giovanni"

"Lo faccio per il bene del Pianeta". Razzi parte per la Corea del Nord
 Foto: Pierpaolo Scavuzzo / AGF
 Antonio Razzi (Agf)

“Al culmine della crisi atomica il senatore Razzi si offre come mediatore tra Kim e Trump. Perché no? In fondo ha il cognome adatto e dei tre non è neppure il più ignorante”. Il commento è di Massimo Gramellini sulla sua rubrica Il caffè sul Corriere della Sera

La notizia invece è che il senatore pescarese Antonio Razzi è pronto per partire per la Corea del Nord per fare da ‘paciere’ tra Trump e Kim. E’ da tempo che rivendica questo ruolo, e da anni oramai ha stretto buoni rapporti con le alte sfere del governo nordcoreano. E ieri lo ha ripetuto."Sono pronto a fare da tramite e da mediatore tra le parti. Per il bene del Pianeta", aveva detto ai microfoni di Radio Cusano Campus. 

Un interlocutore privilegiato

Secondo quanto riporta l’Huffington post il senatore  del centro-destra e membro della Commissione Affari Esteri, Razzi farà nuovamente in visita alla Corea del Nord ”pronto a presentarsi come interlocutore privilegiato” di Kim Jong-Un: "Il 20 settembre sarò in Corea del Nord. Cercherò di impegnarmi per far capire ai vertici del Paese quanto può essere importante mediare".

"Tra 50 anni potremmo rimpiangere questo terzetto"

E poi la spiegazione del senatore dell’escalation tra i due paesi: “La prova di forza di Kim talvolta lo vede costretto a fare certe cose perché nessuno vuole parlare di lui”.  La frase è stata ripresa da Gramellini, che commenta.  “In attesa di salire sul volo Pescara-Pyongyang — o di trasformarsi in un Razzi missile con circuiti di mille valvole, come nella sigla di Ufo Robot — ha già colto il punto debole del bombarolo asiatico. "Si comporta così perché nessuno parla di lui». Ma certo, Kim è un narcisista bisognoso di affetto. Spara missili come un bimbo grissini: per attirare l’attenzione dei grandi seduti a tavola”. E ancora, continua Gramellini, “Trump, Kim e Razzi. Nella crisi dei missili di cinquant’anni fa c’erano Kennedy, Kruscev e papa Giovanni. Ma il tempo dilata il peso dei protagonisti (o rimpicciolisce quello dei successori) e può darsi che tra cinquant’anni anche questo terzetto verrà ricordato con rimpianto”. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it