La cooperativa del caso Soumahoro è stata messa in liquidazione

La cooperativa del caso Soumahoro è stata messa in liquidazione

"Riscontrate irregolarità non sanabili". Karibu è stata commissariata e Aid sciolta. Bonelli: "Si sta cercando di costruire una narrazione contro i migranti". 

messa in liquidazione cooperativa Soumahoro

© Armando Dadi / Agf - Aboukabar Soumahoro 

AGI - È stata messa in liquidazione la cooperativa Karibu, le cui attività erano riconducibili ai familiari del deputato Aboubakar Soumahoro. "Gli ispettori hanno trovato i locali chiusi al primo tentativo di accesso, a seguito di diffida hanno avuto finalmente accesso e hanno acquisito la documentazione rilevante della cooperativa" ha detto il ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso, nel corso il question time alla Camera "Si è conclusa ieri l'istruttoria con la proposta di messa in liquidazione coatta amministrativa per eccessivo indebitamento. Mi appresto dunque a nominare i commissari liquidatori".

Per quanto riguarda la cooperativa Aid, gli ispettori del ministero "hanno riscontrato irregolarità non sanabili" e ne hanno "proposto lo scioglimento", ha aggiunto Urso.

messa in liquidazione cooperativa Soumahoro
© Mimmo Chianura / Agf
Aboukabar Soumahoro 

L'Alleanza Verdi-Sinistra Italiana continua a difendere il suo deputato. "Non abbiamo preso abbagli né siamo vittima di una persecuzione. Gli elementi che avevamo a disposizione non facevano pensare che ci fossero questi elementi. Stiamo parlando di una persona non indagata, ci sono tentativi di costruire una narrazione contro i migranti e su questo ci faremo sentire" ha detto il co-portavoce di Europa Verde, Angelo Bonelli, incontrando i giornalisti fuori Montecitorio. 

Il caso Aboubakar Soumahoro scoppia a metà novembre, circa un mese dopo il suo ingresso in Parlamento e la sua presenza a Catania per difendere lo sbarco di migranti dalla Ocean Viking.

La procura di Latina apre un fascicolo su due coop, Karibou e Consorzio Aid, la prima gestita dalla suocera, Maria Terese Mukamitsibdo, e l'altra dalla moglie del deputato, Liliane Murakatete. L'indagine è in linguaggio tecnico a modello 45, non ci sono cioè né persone iscritte nel registro degli indagati né ipotesi di reato contestate. È semplicemente in una fase di acquisizione di informazioni.

La denuncia

Tutto parte dalla segnalazione di un sindacato, Uiltcs, per stipendi non pagati a 26 dipendenti delle coop anche per 2 anni e dopo che alcuni minorenni hanno messo a verbale di essere stati maltrattati e privati di acqua e luce nelle strutture delle due cooperative pontine.

Un lavoratore sostiene anche che gli è stato chiesto loro di produrre fatture false per essere pagato. Dichiarazioni vengono acquisite dagli inquirenti (con i pm lavorano i carabinieri), ma anche documenti, screenshot di chat tra dipendenti e vertici delle due cooperative.

E anche il materiale prodotto dalle inchieste girnalistiche ha buone probabilita' di finire sotto la lente di ingrandimento della magistratura.

I sacchi di documenti nella spazzatura

E poi ci sono i documenti trovati in 8 sacchi della spazzatura abbandonati nei cassonetti di Sezze, la cittadina laziale in cui ha sede la cooperativa Karibou guidata da Maria Terese Mukamitsibdo, suocera del deputato e presidente del Cda che ha nel board Liliane Murakatete moglie di Aboubakar Soumahoro.

La difesa

Le due coop fanno sapere ai media che i pagamenti non sono solo stati effettuati perché non era arrivato il denaro di appalti, attraverso la prefettura di Latina, da Regione Lazio e dai Comune di Latina e Roccagorga.

A Repubblica moglie e suocera si difendono imputando il mancato pagamento al fatto che non è stato ancora versato dagli enti locali quanto dovuto per progetti e che lui è estraneo alla gestione delle cooperative e non al corrente di ciò che vi accade.

I conti

Circa 400.000 euro i debiti retributivi e contributivi delle due cooperative impegnate in progetti contro il caporalato lo sfruttamento organizzati dallo Sprar, Regione Lazio e e altri enti, ma anche a fornire mediatori linguistici e sanitari per l'accoglienza e l'integrazione, secondo Uiltucs.

Karibou secondo indagini de 'Il fatto quotidiano' a bilancio a fine 2021 aveva debiti totali per 2,26 milioni di euro, e incassi azzerati rispetto al 2020 chiuso con 2,5 milioni di euro. Consorzio Aid invece ha ricavi per 716.000 euro, una perdita di 65.000 euro e debiti totali per 260.000 euro.

Il deputato

Aboubakar Soumahoro in un post social con video lo ripete: "Non c'entro niente con tutto questo. Non sono né indagato né coinvolto in nessuna indagine dell'Arma dei carabinieri di cui ho sempre avuto e avrò fiducia".

Ma dice anche di "non consentire a nessuno di infangare la mia integrità morale". Intanto alla Camera non risponde ai cronisti che lo inseguono. Dirà la sua stasera a 'Piaza Pulita' su La7.

Il bluff secondo la Caritas di Foggia

È don Andrea Pupilla, presidente della Caritas di San Severo (Foggia) dalla Puglia a raccontare ai giornalisti che nonostante Aboubakar Soumahoro si sia fatto riprendere nei panni di Babbo Natale l'anno scorso mentre andava a portare regali bambini, "nel ghetto di Torretta non ce ne sono e a Borgo Mezza, l'insediamento in cui ha fatto il video, i bambini sono molto pochi".