Stampa e palazzo: strappo del M5s, governo in bilico

Stampa e palazzo: strappo del M5s, governo in bilico

Crescono le fibrillazioni nella maggioranza. E la Meloni (FdI) torna a chiedere le elezioni anticipate

Stampa e palazzo strappo m5s governo in bilico

© Francesco Fotia / Agf - L'edicola a Piazza San Lorenzo in Lucina, a Roma 

AGI - La scelta del M5s di non votare il dl Aiuti al Senato mette a rischio il governo Draghi. Crescono le fibrillazioni nella maggioranza. E la Meloni (FdI) torna a chiedere le elezioni anticipate.

Corriere della Sera

M5s non vota, governo verso la crisi.  Decreto Aiuti, i pentastellati pronti a negare la fiducia. Per il premier “o c’è il sostegno o non si va avanti”. Lunga e tesa telefonata con Draghi, poi Conte ai parlamentari: “Usciamo dall’Aula”. Salvini: se il Movimento si sfila ci sono le urne. “Ci sono sfide epocali, adesso serve stabilità”: l’appello del Vaticano.

la Repubblica

Draghi, il gran rifiuto del M5s. Dopo una giornata convulsa di incontri e scontri, il Movimento decide di non votare la fiducia al dl Aiuti oggi in Senato. Usciranno dall’Aula. Conte: irresponsabili sono gli altri. La palla al premier che deve decidere se salire al Colle e tornare in Parlamento per verificare la maggioranza. Salvini e Meloni: subito al voto. Letta: rischiamo il colpo di pistola di Sarajevo. Intervista a Mulè (FI): “Basta con le commedie, in maggioranza si sta al 100%. Difficile proseguire solo col Pd”.

Il Messaggero

Governo, M5s apre la crisi. L’annuncio di Conte dopo una giornata di colloqui: “Risposte insufficienti, non votiamo la fiducia”. Draghi pronto a dimettersi: ma aspettiamo i numeri. Lega: “Ora al voto”. Letta: “Salta il campo largo”. Intervista a Borghi (Pd): “Momento troppo grave per sfilarsi, per ogni scelta ci sono conseguenze”.

Il Fatto Quotidiano

Conte non si piega, Draghi minaccia l’addio. Il premier fa promesse telefoniche. Il 5S: “No a cambiali in bianco”. Salvini vuole le elezioni, Zaia e C.: “Noi con Mario”. Ora Draghi pensa a dimettersi. Ipotesi urne il 25 settembre.

La Stampa

Conte apre la crisi, Draghi pronto a lasciare. Oggi il Movimento uscirà dall’aula al momento del voto. Il presidente del Consiglio deciso a salire al Colle: non accetto compromessi. Il leader 5S: “Niente fiducia sul decreto Aiuti”. Affondo di Salvini: “La maggioranza non c’è più, urne subito”. Letta: “Così salta tutto”. Intervista a Cuperlo (Pd): “Sbagliano a tornare al vaffa, anche soli battiamo la destra”.

il Giornale

Il Conte è nudo. Oggi i Cinque stelle non voteranno il dl Aiuti. Ma l’ex premier è in un vicolo cieco: in ogni caso il suo destino è rimanere isolato.

Libero

Qui cade il governo. Conte cede al pressing dei parlamentari grillini e annuncia che M5s al Senato non voterà la fiducia al governo. Subito dopo Draghi andrà al Colle per dimettersi. Salvini: ora il voto.

Il Tempo

Buone vacanze Italia. Città bloccate dai tassisti, caos negli aeroporti, prezzi alle stelle per chi viaggia. L’estate sarà da incubo, autunno al freddo per il blocco del gas russo. Nessuna risposta dal governo perché il premier è incastrato nella crisi di Palazzo.

Verità e Affari

Draghi non paga i debiti. La pubblica amministrazione continua a non onorare i suoi impegni. Salite a 65 miliardi (12 in più da quando è premier) le fatture da saldare alle imprese.