Cosa prevede la controffensiva legale del Movimento 5 stelle contro la sospensione dello statuto

Cosa prevede la controffensiva legale del Movimento 5 stelle contro la sospensione dello statuto

Il presidente della Camera Roberto Fico si è schierato apertamente con l'ex presidente del Consiglio: "Conte è il leader del Movimento 5 stelle, è ben saldo, riconosciuto e stravotato"

controffensiva legale m5s contro sospensione dello statuto

Giuseppe Conte, presidente del M5s

AGI -  Controffensiva legale del Movimento Cinque Stelle dopo la decisione del tribunale di Napoli che ha sospeso l’efficacia delle votazioni con cui nell’agosto 2021 era stato modificato lo statuto dei pentastellati e l’elezione di Giuseppe Conte alla presidenza.

Secondo quanto si è appreso da fonti qualificate, il ricorso per la revoca del provvedimento cautelare emesso dal tribunale partenopeo, che ha di fatto messo in stand by il nuovo statuto e la leadership di Conte, è stato depositato ieri.  

Il ricorso è stato presentato ai sensi dell'articolo 669 decies del codice di procedura civile, secondo cui "quando il giudizio di merito non sia iniziato o sia stato dichiarato estinto, la revoca e la modifica dell'ordinanza di accoglimento" possono essere "richieste al giudice che ha provveduto sull'istanza cautelare se si verificano mutamenti nelle circostanze o se si allegano fatti anteriori di cui si è acquisita conoscenza successivamente al provvedimento cautelare".

I legali del M5S concordano sul fatto che le delibere approvate dall'assemblea degli iscritti sono valide alla luce del regolamento interno che fa data al 2018, per cui l'attesa è che la decisione dei giudici venga revocata tempestivamente.

La questione è stata affrontata anche durante la riunione di due giorni fa nello studio del notaio Luca Amato, con Beppe Grillo e lo stesso Conte. 

Oltre alle grane giudiziarie, sul Movimento continua a pesare la battaglia interna tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte.

Dall'entourage dell'ex premier filtra l'irritazione del leader M5s per 'ricostruzioni complottistiche che alimentano sulla stampa un clima di battaglie e divisioni interne, scenario che Conte ha sempre cercato di contrastare o comunque di non alimentare'.

Per Conte 'questo è il momento in cui lavorare e rimanere concentrati sugli importanti fronti politici che interessano il Paese, oltre a chiudere la partita giudiziaria a cui stanno lavorando i legali del Movimento.

E nel braccio di ferro tra le due anime del Movimento, quella 'dimaiana' e quella 'contiana', si inserisce il presidente della Camera Roberto Fico, che si schiera apertamente con l’ex presidente del Consiglio: "Non c'è una questione politica, Conte è il leader del Movimento 5 stelle, è ben saldo, riconosciuto e stravotato", dice.

"La situazione  è molto più semplice di quello che sembra e faremo insieme il percorso per il futuro del Movimento".

Secondo Fico "tanti, anche ex attivisti, si divertono e invece di dire 'abbiamo perso la battaglia politicamente' decidono di continuare tramite un avvocato a fare causa al Movimento, ma noi non ci arrenderemo mai".