L'Italia riapre, coprifuoco spostato alle 23

L'Italia riapre, coprifuoco spostato alle 23

Entra in vigore il decreto Riaperture con le nuove misure di allentamento decise dal governo lunedì

coprifuoco alle 23 decreto riaperture entra in vigore

© AGF - Milano, coprifuoco per il Covid

AGI -  Coprifuoco da oggi posticipato alle 23. Con la firma del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, entra in vigore il decreto Riaperture che contiene l'allentamento delle restrizioni anti-Covid decise dalla cabina di regia del governo e varate dal Consiglio dei ministri di lunedì.

Ecco nel dettaglio le nuove misure: 

Dal 1 giugno, Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna passeranno in zona bianca. Dal 7 giugno anche Abruzzo, Veneto e Liguria. Nelle regioni in zona bianca valgono solo le regole di comportamento (mascherina, distanziamenti). Non c'è coprifuoco.

Zona gialla: riaperture e graduale abolizione del coprifuoco - Coprifuoco in zona gialla dalle 23 a partire da subito. Dalle 24, a partire dal 7 giugno. Superamento totale del coprifuoco dal 21 giugno. È prevista una deroga al coprifuoco dalle 23 per coloro che, a Reggio Emilia, assisteranno in presenza alla finale di Coppa Italia tra Juventus e Atalanta, in programma stasera. 

Ristorazione: riaperture già programmate - dal 1 giugno sarà consentito anche al chiuso il consumo al tavolo dalle 5 alle 18.

Esercizi commerciali in mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali nelle giornate festive e prefestive: riapertura a partire dal 22 maggio.


Attività di palestre, piscine, centri termali: anticipazione al 24 maggio della riapertura delle palestre. Riapertura a partire dal 1 luglio di piscine al chiuso e centri benessere.

Presenza di pubblico in eventi e competizioni sportive: la presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1 giugno all'aperto e dal 1 luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all'aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Impianti di risalita in montagna: riapertura degli impianti dal 22 maggio alle condizioni indicate dalle linee guida.

Attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò: riapertura dal 1 luglio.

Attività di parchi tematici e di divertimento: anticipata la riapertura al 15 giugno.

Attività di centri culturali, centri sociali e centri ricreativi: riapertura di tutte le attività dal 1 luglio.

Attività in sale da ballo, discoteche e simili, all'aperto o al chiuso: restano sospese.

Feste, comprese quelle dopo cerimonie civili e religiose: ripartenza delle feste successive a cerimonie civili o religiose, dal 15 giugno, anche al chiuso. Agli ospiti sarà richiesto il pass.

Corsi di formazione pubblici e privati: ripresa in presenza dal 1° luglio.