Conte: "Crisi dannosa per Paese. Vediamo se possibile andare avanti con Renzi"

Conte: "Crisi dannosa per Paese. Vediamo se possibile andare avanti con Renzi"

Il premier mette in guardia la maggioranza, se cade il governo ripercussioni su consensi di Iv, Pd e M5s. "Un governo non può andare avanti senza la fiducia di tutte le forze politiche che lo sostengono. Non possiamo permetterci di proseguire senza piena condivisione"

governo crisi giuseppe conte matteo renzi maggioranza

Giuseppe Conte

AGI - "Una crisi credo che non farebbe bene non solo al Paese ma a tutto l'elettorato di M5s, del Pd e di Iv, che crede in un percorso comune. Quando si costruisce bisogna avere molta pazienza". A mettere in guardia la maggioranza dai rischi di una possibile crisi di governo è il premier Giuseppe Conte, ospite di 'Accordi e disaccordi' sul Nove. 

"Un governo non può andare avanti senza la fiducia di tutte le forze politiche di maggioranza", scandisce Conte. "Se non ci fosse questo sostegno, è inutile sottolineare quali sarebbero le conseguenze". 

Il presidente del Consiglio giovedì mattina riceverà Matteo Renzi e la delegazione di Iv a palazzo Chigi, per l'ultimo giro di incontri con le forze di maggioranza nell'ambito della verifica. Da parte di Iv "porre condizioni da prendere o lasciare sarebbe sbagliato nel merito, vuol dire che non si può collaborare. Sarebbe una grave irresponsabilità fermarsi per un mancato chiarimento".

Detto questo, per il premier “Italia Viva è un compagno di viaggio e in questo momento sta sollevando dei problemi, sta rivendicando delle posizioni politiche, delle petizioni. Ci incontreremo, è importantissimo ritrovare coesione e unità di intenti. Non possiamo permetterci di proseguire senza piena condivisione”.

Con Italia Viva "ci confronteremo nel merito e vediamo se ci sono le condizioni per andare avanti più forti di prima", spiega Conte, che non chiude all'ipotesi di rimpasto: "Se ci sono richieste dalle forze politiche bisogna ascoltare e comprendere. Da parte mia c'è massima disponibilità a comprendere, dopo di che ci riuniremo e lo vedremo". 

Quanto a Mario Draghi, nome spesso evocato anche all'interno della stessa maggioranza, il premier non mostra nervosismo, anzi assicura: “Lo sentirò presto", soprattutto dopo "il suo intervento al G30, che mi ha molto incuriosito e interessato. Lo chiamerò presto, è un pò che non lo sento”, ha aggiunto.