Giani: "In Toscana ho vinto senza padrini"

Giani: "In Toscana ho vinto senza padrini"

Lo stacco dalla candidata del centrodestra, Susanna Ceccardi, è di oltre 6 punti

elezioni presidente toscana risultato

© AGF - Firenze, elezioni regionali in Toscana. Nella foto il neo eletto Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani (centrosinistra)  


 

Eugenio Giani, candidato del centrosinistra a governatore della Toscana, continua ad essere in testa nelle proiezioni del Consorzio Opinio Italia per la Rai: con un campione al 17% viene dato al 47,7% dei consensi, mentre la sua antagonista principale, Susanna Ceccardi, centrodestra, è al 41,1%.

Giani, ho vinto senza padrini

"In questi giorni mi si attribuisce l'essere riuscito a vincere perché mi è 'padrino' quello o quell'altro. Consentitemi, oggi ve lo posso dire con il cuore: c'è dentro di me l'energia di sapere che Giani è Giani, un uomo di 60 anni che vivendo tutto il territorio, lavorando per il bene della Toscana e delle singole comunità, con la competenza che prevale sull'ignoranza; con l'esperienza che prevale sul pressapochismo; con la passione che prevale sulla forma e l'immagine". Lo ha detto Eugenio Giani parlando del risultato dal suo comitato elettorale. "Con queste caratteristiche - ha aggiunto - io ritengo di aver intercettato tanta gente di Toscana".

Ceccardi, i nostri lettori non sono fascioleghisti

"I nostri elettori non possono essere tacciati di essere degli estremisti, dei fascioleghisti. Noi saremo lì e non faremo sconti a questo governo. Sicuramente li supporteremo, noi avevamo fatto attivamente un programma: mi auguro che il centrosinistra non si dimentichi delle persone che rischiano di perdere il posto di lavoro, delle infrastrutture che mancano in Toscana" ha detto la Ceccardi. "La partita, nei prossimi anni, saranno le infrastrutture" ha aggiunto "noi con i nostri consiglieri regionali, comunali, sindaci, saremo lì a dare supporto alla Toscana. Io chiudo questa campagna con il sorriso". 

Per Salvini è stata una battaglia bellissima

"In toscana è stata una battaglia bellissima, ringrazio Susanna e migliaia di persone incontrate con cui abbiamo stretto un patto che ci vedrà essere presentissimi", ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini. "Quando giochi partita la giochi sempre per vincere, sapevamo che era difficile. Superare il 40% e' una bella soddisfazione. Anche lì essere primo partito del centrodestra e aver superato il 40% è un bel punto da cui ripartire".

Renzi, fallita la rivincita del Papeete

"Salvini voleva prendersi in Toscana la rivincita del Papeete, un anno dopo. Operazione fallita. Oggi si festeggia. Grazie a Eugenio Giani, grazie ai toscani" scrive da parte sua su Facebook il leader di Italia viva Matteo Renzi.

Il team di Giani, "abbiamo fatto una grande campagna"

"Noi abbiamo fatto una grande campagna elettorale nonostante le difficoltà che ci sono state come il Covid ed il rientro dalle ferie. Una campagna elettorale fatta durante le ferie, difficile, complessa, ora attendiamo i risultati perché crediamo sia la cosa più importante da fare. Commenteremo quando avremo più certezza sui dati" ha detto Niccolò Falomi, tra i responsabili della campagna elettorale di Giani. 

Soddisfazione, secondo Falomi, per l'affluenza al voto: "Già da ieri abbiamo visto che, votando su due giorni, l'affluenza era molto positiva. È un dato obiettivamente che ci conforta".

"S'è fermato Salvini: i toscani non hanno creduto alla sua propaganda. Non hanno creduto nemmeno ai falsi toni moderati di Susanna Ceccardi, che si è presentata in questa campagna elettorale con toni più concilianti" ha detto Simona Bonafè, segretaria regionale del Pd toscano.

"Ma è evidente - aggiunge - che la cultura toscana e i toscani hanno premiato un modello che è conosciuto in tutto il mondo, un modello toscano che a livello sanitario ha saputo meglio di altri reggere la crisi del coronavirus e i cittadini toscani non si sono fatti abbindolare dalle false promesse di cambiamento del centrodestra". "Il centrodestra - prosegue - ha fatto una partita tutta nazionale, perché è evidente che l'obiettivo di Salvini e Meloni era un altro, cioè era attaccare il Governo e incidere negli equilibri nazionali. Il Pd e il nostro candidato hanno fatto una campagna elettorale per la Toscana, per i toscani e oggi siamo qui molto contenti di questo risultato".

"Capirete il mio entusiasmo in questo momento - continua la segretaria Pd - Abbiamo i primi dati, è chiaro sono solo alcune sezioni e andranno confermati, ma sono dati molto positivi per il nostro candidato Eugenio Giani e molto positivi anche per il Pd che dalle prime proiezioni dovrebbe confermarsi il primo partito di questa regione, con oltre il 30%". Un dato, sottolinea Bonafè "che è lo stesso che il Pd prese alle Europee dello scorso anno; ma calcolate che lo scorso anno avevamo Iv, avevamo Azione e un pezzo di Leu. Quindi un risultato veramente molto importante per noi".