Enrico Letta sul semestre Ue a guida tedesca: "È l'ora della svolta o vincerà l'egoismo"

Enrico Letta sul semestre Ue a guida tedesca: "È l'ora della svolta o vincerà l'egoismo"

Per l'ex Premier: Il grandissimo rischio è l'effetto frustrazione, un'onda di delusione che farebbe vincere il sentimento di marzo, quando la maggioranza degli italiani aveva voltato le spalle a un'Unione europea che sembrava voltarle a noi" 

enrico letta ora svolta o vincera egoismo

 Enrico Letta (Agf)

AGI - In occasione del primo luglio in cui in Europa comincia il semestre guidato dalla Germania, l'ex premier Enrico Letta, che oggi è preside della scuola Affari internazionali dell'università SciencesPo a Parigi, afferma in un'intervista a la Repubblica che "questo semestre è cruciale perché puo' mettere in sicurezza la nuova Europa nata con il Recovery plan", ovvero "l'Europa sociale e della solidarietà".

E se l'obiettivo venisse mancato, "il grandissimo rischio è l'effetto frustrazione, un'onda di delusione che farebbe vincere il sentimento di marzo, quando la maggioranza degli italiani aveva voltato le spalle a un'Unione europea che sembrava voltarle a noi" riflette Letta.

Secondo questa premessa, Letta suggerisce di non sottovalutare quanto sta per accadere perché "siamo davanti alla crisi sociale piu' profonda di sempre e l'Italia e' il Paese più esposto, con una crescita del debito spaventosa" e per affrontarla "ci vogliono soldi da mettere nelle parti dell'economia e della società con le ferite maggiori".

E poiché i soldi nazionali "non bastano e spesso e volentieri sono arrivati in ritardo, e i fondi del Recovery plan non saranno visibili prima dell'anno prossimo, il ponte del Mes è fondamentale".

"Si tratta di 36 miliardi praticamente a tasso zero", rimarca Letta. Fondi, riprende l'ex premier, che "potrebbero essere usati mettendo in circolo salute e lavoro".

"Penso - dice - a 1000 centri di telemedicina che consentano diagnosi esatte e precoci ai cittadini dei tantissimi paesi montani o remoti della nostra penisola. Sarebbe un piano - continua - che risponde alle loro paure e che dà lavoro a centinaia di startup in tutto il Paese. Si puo' fare solo con un grande finanziamento europeo".

"Nel resto d'Europa non sarebbe spiegabile un'Italia che non accede al fondo salva-Stati. Farebbe pensare alla sopravvivenza di orpelli ideologici, complottisti, che fanno perdere credibilità al nostro Paese e all'ottimo lavoro fatto da Conte in Europa", conclude Letta.