"Bisogna fidarsi degli italiani, l’autocertificazione deve essere abolita", dice Sileri

"Bisogna fidarsi degli italiani, l’autocertificazione deve essere abolita", dice Sileri

L'intervista al Corriere della Sera del viceministro della Salute

sileri autocertificazione abolita

Pierpaolo Sileri

“L’Italia è come un paziente convalescente da una malattia grave. Lo stiamo dimettendo, ma con prescrizioni da osservare. Però ci dobbiamo affidare anche alla responsabilità e al buon senso”. Lo sostiene in un’intervista al Corriere della Sera il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, di professione medico, che a proposito dell’autocertificazione per giustificare gli spostamenti delle persone dice: “Io forse non l’avrei messa, ma capisco la logica” perché “c’è sempre qualche furbo” ma per poi aggiungere subito dopo che “se guardiamo questi due mesi, il 95% degli italiani ha rispettato le regole”. Quindi chiosa: “o ho questo difetto, che mi fido degli italiani”.

E sulla diatriba “congiunti” - “amici”, il viceministro dichiara che “c’è chi vuole giocare con le parole, ma io ho detto amico vero nel senso che non deve essere una scusa” perché “c’è chi vive solo, è vedovo o magari ha bisogno di qualcuno che gli tenga il bambino” e quindi “in mancanza dei nonni e babysitter, un amico è fondamentale”.