Salvini: "Con mascherine ma pronti manifestare"

Salvini: "Con mascherine ma pronti manifestare"

"Tantissimi cittadini ci chiedono di organizzarci, non solo in rete, per farci vedere e sentire", ha detto in una diretta Facebook il leader della Lega. "Oltre al virus, fame e mancanza di libertà? Non lo possiamo permettere"

fase 2 Salvini pronti manifestare

© DIEGO RAVIER / HANS LUCAS - Matteo Salvini

Preannuncia per il 1 maggio un piano sulla Fase 2 vista dalla Lega e, rilancia, "se sarà necessario perché non ci ascoltano o non vi ascoltano ci faremo anche vedere e sentire, compostamente, fuori dai social".
"È un mese e mezzo che ci tengono a discutere sul computer. Torniamo nelle nostre strade e nelle nostre piazze, rispettando limiti e regole, ma c'e' di mezzo il futuro e la liberta'". Cos' Matteo Salvini che nel corso di una diretta Facebook rilancia il tema, "con le buone maniere e educatamente", di una manifestazione per protestare contro le misure di 'lockdown' decise dal governo. 

"Ripartire, in sicurezza ma riaprire". Matteo Salvini da Facebook, e con una diretta social, ribadisce che "occorrono buon senso e coraggio, bisogna fidarsi degli italiani e farli tornare a sperare, guadagnare, camminare, lavorare, sognare".

"Lavoratori, imprenditori, artigiani, ristoratori, commercianti, precari, partite Iva e padri di famiglia non possono piu' aspettare", sottolinea il leader della Lega. "Tantissimi cittadini ci chiedono di organizzarci, non solo in rete, per farci vedere e sentire. Sicuri, con le mascherine, a distanza, pacifici e determinati, noi siamo pronti", annuncia. "Oltre al virus, fame e mancanza di libertà? Non lo possiamo permettere. Prima di tutto, l'Italia e gli italiani", dice ancora. 

"Perché questa mancanza di coraggio e di certezze? Perché aprire a giugno molte attività? Al governo qualcuno ha capito che molte non riapriranno, se vanno avanti cosi'? Che così porteranno i libri in tribunale?", ha continuato Salvini.

"Hanno creato 15 task force per arrivare a chiusure fino a maggio e forse al permesso di andare a trovare mamma e papa' ma se abitano nella nostra città e previa autocertificazione. Possiamo dire basta? Dopo 47 giorni di reclusione diciamo basta, fateci uscire, e guadagnare e lavorare, e fare la nostra vita, certo mai come prima".