I temi politici più discussi sui social la settimana scorsa

Il 'Social Week Report' realizzato da Agi e KPI6 vede emergere il caso della nave Ong Mare Jonio e l'arresto di Marcello De Vito come argomenti di conversazione dominanti tra il 18 e il 24 marzo

mare jonio flat tax de vito pd

Sono l'arresto del presidente dell'assemblea capitolina, Marcello De Vito, e la vicenda della nave Ong Mare Jonio gli argomenti più dibattuti su Twitter nella settimana dal 15 al 21 marzo. A tenere banco sui profili ufficiali dei politici, oltre a questi due temi, sono soprattutto la proposta leghista di una flat tax per le famiglie e l'assemblea del Pd che ha visto la vittoria della mozione di Nicola Zingaretti aprire una nuova fase nella storia del partito. È quanto emerge dal 'Social Week Report' realizzato da Agi in collaborazione con KPI6.

Sbarchi e migranti dominano le discussioni

Sono dunque lo sbarco a Lampedusa della nave Mare Jonio e l'arresto di De Vito ad aver prodotto il maggior volume di conversazioni su Twitter. Il tema degli sbarchi dei migranti è il driver di discussione dominante, come conferma il posizionamento di #marejonio al vertice della classifica degli hashtag (prendendo in considerazione le sole discussioni politiche), seguito da #assembleapd, #devito e #flattax. Anche la parte bassa della top ten degli hashtag è dominata da argomenti connessi al tema degli sbarchi, quali #salvini e #lampedusa, al quinto e al sesto posto, seguiti da #m5s, #zingaretti, #mareionio e #migranti.

L'account più menzionato è inoltre quello della missione Mediterranea @rescuemed, seguito dai profili ufficiali di Zingaretti e Salvini. Il sentiment delle conversazioni è nettamente polarizzato su emozioni negative quali rabbia e disapprovazione.
 


Ad alimentare la conversazione sul caso Mare Jonio, tra i profili ufficiali, è quello di Matteo Salvini, ma il tweet più condiviso e l'attacco di Giorgia Meloni a Luca Casarini, capo missione della Ong. Il Pd ha prodotto meno della metà dei contenuti condivisi dalla Lega mentre il contributo del M5s si è limitato a un tweet del ministro Danilo Toninelli che rimarca i risultati del governo nel campo dell'immigrazione.

 

 

Le discussioni sul caso De Vito hanno visto un'ampia partecipazione di tutti gli schieramenti, con un sentiment tra gli utenti equamente diviso tra negativo e neutrale e l'emozione positiva "gioia" che segue rabbia e disapprovazione. Il contenuto più condiviso è però un tweet di Repubblica che ricorda quando l'esponente pentastellato promise una dura lotta alla corruzione.
 


I politici parlano di Flat Tax. Solo il Pd parla del Pd.

Il volume delle conversazioni su Twitter inerenti la flat tax (3.838 tweet e 13.242 condivisioni) vede una netta prevalenza dei politici di centro-destra (Forza Italia e Fratelli d'Italia), che difendono un'idea rivendicata sin dal 1994 ma giudicano inefficace la proposta della Lega per la mancanza di coperture e l'impostazione assistenzialista. 
 


Appartengono però a esponenti del Pd i tweet più condivisi sull'argomento, ovvero i post, molto critici, del capogruppo in Commissione Bilancio, Luigi Marattin, e il senatore Tommaso Nannicini. Appartiene invece a un esponente di Forza Italia, Renato Brunetta, il profilo ufficiale che ha condiviso più tweet sulla materia.

A livello generale, il sentiment delle conversazioni sulla flat tax è negativo, con un prevalere delle emozioni di disapprovazione e rabbia.  Le conversazioni sull'assemblea del Pd vedono invece l'assenza di contributi di politici di altri partiti, con l'eccezione di Beppe Grillo, che ha twittato un articolo del suo blog.

Su 3.096 tweet e 13.525 condivisioni, il contenuto più condiviso è l'endorsement di Matteo Renzi al nuovo segretario. Le emozioni di rabbia e disapprovazione prevalgono anche nelle conversazioni su tale argomento, esprimendo non ostilità ma il disappunto per le occasioni mancate e il tempo perso dal Pd. 

Scarica il report  



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.