Il monito di Maroni a Salvini: "Ascolti il Nord o nascerà qualcosa di nuovo"

L'ex segretario ed ex governatore della Lombardia assicura che "non verrà archiviata la Lega che abbiamo conosciuto fino ad ora"

Lega Maroni Salvini Nord carroccio congresso

"Se il Nord non verrà più ascoltato" dalla Lega, "potrebbe nascere qualcosa di diverso": è l'avvertimento lanciato dall'ex segretario ed ex governatore della Lombardia, Roberto Maroni, in un'intervista a La Stampa. Nel giorno in cui si apre a Milano il congresso del Carroccio, Maroni sottolinea che non verrà archiviata la Lega che abbiamo conosciuto fino ad ora: "Ho visto le modifiche statutarie: la Lega rimane Lega, vengono mantenuti i padri fondatori, ci sono riconoscimenti persino per il sottoscritto e per Bossi", che nel nuovo statuto "sara' confermato presidente a vita, salvo rinunce".

Insomma, non ci sarà il funerale della Lega, ma ci "sarà un passo verso l'evoluzione" e la Lega "sarà un soggetto politico diverso ma con le radici nel passato". E Maroni si dice convinto che "anche dopo questo congresso, il nord rimarrà centrale, e così l'autonomia. E se così non sarà - aggiunge -, bè, allora potrebbe anche nascere qualche cosa di diverso, che torni a rappresentare le istanze dei ceti produttivi del nord" ma oltre non si spinge a definire i contorni del soggetto politico futuro o futuribile.

Maroni tuttavia riconosce che Salvini "ha impresso una velocità al partito che ha reso faticoso per tanti e non solo per Bossi rimanere al passo". Ed è più che naturale che Bossi si senta oggi "un po' emarginato ma è la naturale evoluzione della vita", chiosa l'ex segretario e governatore. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it