Cos'è e come è nata la Fondazione Open

La 'cassaforte' della Leopolda, ora al centro di un'inchiesta, è stata creata per sostenere le iniziative politiche di Matteo Renzi

Fondazione Open matteo renzi 
Filippo MONTEFORTE / AFP
 
Matteo Renzi

La fondazione Open nasce nel 2012, con il nome di 'Big Bang' poi modificato, per sostenere le iniziative politiche come la Leopolda di Matteo Renzi e la corsa dello stesso Renzi alle primarie del Pd fino all'approdo a Palazzo Chigi e alla campagna per il sì al referendum costituzionale.

È stata attiva fino all'aprile 2018, raccogliendo oltre sei milioni di euro. Fino a che è stata in vita, sul proprio sito erano presenti anche i nomi dei finanziatori. Non tutti però avevano dato il via libera alla pubblicità della donazione. Quell'elenco top secret è stato sequestrato a settembre nel corso della perquisizione a cui è stato sottoposto il presidente della Fondazione, l'avvocato Alberto Bianchi, al quale viene contestato il traffico d'influenze illecite e il finanziamento illecito ai partiti.

Secondo la procura di Firenze, che sta verificando intrecci e rapporti tra il legale pistoiese e i finanziatori di Open, la fondazione avrebbe agito come una 'articolazione' di un partito politico. La Fondazione Open aveva sede presso lo studio, a Firenze, dell'avvocato Bianchi, che la guardia di finanza è tornata a perquisire stamani assieme alle sedi di altre società e aziende che hanno effettuato donazioni.

Nel consiglio di amministrazione, oltre a Bianchi figuravano Maria Elena Boschi, Marco Carrai e Luca Lotti, all'epoca fedelissimi del 'Giglio Magico' di Renzi. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it