Cosa contiene il "green new deal" del governo italiano

Tra le misure più innovative, il "buono mobilità" per i residenti nei Comuni su cui pendono procedure d'infrazione comunitarie per smog che scelgono di rottamare auto e moto e gli incentivi per i "green corner"

decreto clima governo
Sergio Costa, Giuseppe Conte

Ribattezzato il "primo atto normativo del green new deal" dal ministro dell'Ambiente Sergio Costa, il decreto Clima, con il via libera definitivo della Camera, viene convertito in legge. È un provvedimento che contiene una serie di misure per raggiungere l'obiettivo di rispettare gli obblighi previsti dalla direttiva comunitaria sulla qualità dell'aria e sul contrasto al cambiamento climatico.

Tra le misure più innovative, il "buono mobilità" per i residenti nei Comuni su cui pendono procedure d'infrazione comunitarie per smog che scelgono di rottamare auto e moto, optando per trasporto pubblico e bici anche elettriche, e gli incentivi per i "green corner", ovvero quegli esercizi commerciali che decidono di vendere prodotti sfusi o alla spina, soprattutto per quel che riguarda prodotti inquinanti come detersivi e saponi.

PROGRAMMA STRATEGICO NAZIONALE

Il Governo dovrà varare un Programma strategico nazionale per il contrasto ai cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell'aria. Viene istituito presso il ministero dell'Ambiente il tavolo permanente interministeriale sull'emergenza climatica, con il compito di monitorare e di adeguare ai risultati le azioni del Programma strategico nazionale.

BONUS MOBILITÀ

Chi rottama, entro il 31 dicembre 2021, autovetture e motorini inquinanti può richiedere un bonus mobilità di 1500 euro per le auto e di 500 euro per i motocicli per l'acquisto di un abbonamento al trasporto pubblici locale, bici (anche elettriche) e servizi di sharing mobility. Lo stanziamento è di 255 milioni fino al 2024.

CORSIE PREFERENZIALI TRASPORTO PUBBLICO

Il decreto stanzia 20 milioni all'anno per il biennio 2020-2021, per aumentare le corsie preferenziali riservate al trasporto pubblico locale nelle strade cittadine e metterle a norma e in sicurezza. Le città interessate sono quelle sopra i 50 mila abitanti e sotto procedura di infrazione per smog eccessivo.

SCUOLABUS 

Sono 10 milioni all'anno fino al 2021 le risorse che vengono stanziate per il rinnovo degli scuolabus, da sostituire con mezzi ibridi o elettrici nelle città sopra i 50mila abitanti sotto procedura di infrazione per smog eccessivo.

GREEN CORNER 

Vengono previsti degli incentivi per i negozi che allestiscono i cosiddetti green corner destinati alla vendita di prodotti sfusi e alla spina. L'incentivo è fino a un massimo di 5mila euro e può essere richiesto sia dai piccoli negozi che dai grandi supermercati cosi' come per l'apertura di nuovi esercizi commerciali. I consumatori potranno portare da casa anche i propri contenitori per riempirli.

RIFORESTAZIONE DELLE CITTÀ

Viene previsto un programma sperimentale per la riforestazione urbana, per il quale sono stanziati 15 milioni per ciascuno degli anni 2020 e 2021 per il finanziamento di progetti di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura, e per la creazione di foreste urbane e periurbane, nelle città metropolitane.

FONDO QUALITÀ ARIA 

Rifinanziamento del Fondo per le esigenze di tutela ambientale connesse al miglioramento della qualità ambientale dell'aria e alla riduzione delle emissioni di polveri sottili in atmosfera. 

CASCHI VERDI PER L'AMBIENTE

Nasce il programma sperimentale "Caschi verdi per l'ambiente". L'obiettivo è realizzare "iniziative di collaborazione internazionale volte alla tutela e salvaguardia ambientale delle aree nazionali protette e delle altre aree riconosciute in ambito internazionale per il particolare pregio naturalistico, anche rientranti nelle riserve Mam Unesco, e contrastarne gli effetti derivanti dai cambiamenti climatici".

IL CIPE DIVENTA GREEN

Da Comitato interministeriale per la programmazione economica, il Cipe diventerà Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess). La nuova denominazione scatterà dal 1 gennaio 2021. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it