Chi sono i capigruppo di Camera e Senato del M5s indicati da Luigi Di Maio

Danilo Toninelli al Senato, Giulia Grillo alla Camera: breve storia della loro carriera politica, e delle loro battaglie 

Chi sono i capigruppo di Camera e Senato del M5s indicati da Luigi Di Maio
AGF
Giulia Grillo Danilo Toninelli (AGF)

Danilo Toninelli e Giulia Grillo sono stati indicati da Luigi Di Maio come capigruppo di Senato e Camera durante la riunione in corso al Parco dei Principi di Roma. Le due assemblee separate dei 222 deputati e 112 senatori M5s sono iniziate alle 13.30 nell'hotel scelto in questi giorni come comitato elettorale per i 5 stelle.

Danilo Toninelli è nato a Soresina, Cremona, nel 1974, è considerato un fedelissimo di Di Maio e il più ortodosso tra i cosiddetti “pragmatici”. Liceo scientifico prima di una laurea in giurisprudenza, fino al 2012 è stato ufficiale di complemento dei Carabinieri.

Secondo un articolo del Sole24Ore, "Fa parte della folta schiera di persone che si è avvicinata al Movimento (è il fondatore del gruppo cremasco nel 2010, ndr) attratta dai richiami via blog sul rispetto dell’ambiente e sulla necessità di cambiare i paradigmi sull’economia e sull’energia partendo da sé e dal proprio quotidiano". Non è mai stato critico verso i vertici, anzi, nei "momenti di maggiore difficoltà è stato chiamato a spendersi, come davanti alle peripezie della giunta romana di Virginia Raggi". Secondo i dati di Openpolis è 86 esimo su 630 deputati per indice di produttività parlamentare e ha il 69% di presenze al voto elettronico. Ha votato in maniera contraria al proprio gruppo alla Camera una volta ogni duecento votazioni. È stato il depositario della prima legge elettorale a firma grillina, il Democratellum: "un proporzionale fortemente corretto, con le preferenze, in cui sono vietate le candidature plurime ed è previsto un doppio sbarramento". Ha dato poi una dura battaglia all'Italicum, "un cibo avvelenato" lo definì a La7, sostenendo di volerlo cancellare. 

Anche se di fatto è l'uomo dei 5 stelle chiamato ad affrontare i complicatissimi aspetti dei sistemi elettorali, nel 2013, poco dopo la sua elezione alla Camera per il M5s nella circoscrizione Lombardia 3, è stato primo firmatario di una proposta di legge per abolire le province. In occasione del "Decreto Scuola", il 22 ottobre 2013 presenta un emendamento, poi approvato, che introduce il plurilinguismo nelle scuole dell'infanzia. Alle elezioni politiche del 2018 è invece candidato al Senato della Repubblica, in regione Lombardia, come capolista nella quota proporzionale del Movimento 5 Stelle.

Giulia Grillo è nata a Catania nel 1975. Non ha nessun legame di parentela con il garante del M5s. È al suo secondo mandato alla Camera, durante il primo mandato è già stata capogruppo per tre mesi. Ma, a differenza di 5 anni fa, il suo mandato questa volta durerà 18 mesi. È stata eletta nel collegio uninominale di Acireale. Durante la Maratona elettorale di La7 lo scorso 4 marzo ha ringraziato Beppe Grillo perché "noi non intendiamo essere una forza politica che calcherà la scena in eterno, noi vogliamo lasciare qualcosa di buono e di positivo per il Paese e migliorare le cose. Quando lo avremo fatto non avremo più ragione di esistere". È al suo secondo mandato, quindi non potrà più ricandidarsi: "È una garanzia", disse allora. 

Di professione medico, una delle sue battaglie è stata quella sulla sanità. Critica duramente i tagli alla sanità del governo Renzi, che accusa in un video sul canale ufficiale del M5s. Denuncia gli sprechi che avrebbero potuto essere tagliati invece dei servizi, dalle auto alle società partecipate locali, create "per mettere i propri amici nei consigli di amministrazione". Si avvicina alla politica proprio grazie al Movimento 5 stelle nel 2006 fondando i Meetup di Catania. Fa politica attiva per il comitato anti-inceneritori, partecipando poi alla costituzione dell’associazione decontaminazione Sicilia. Si batte contro le trivellazioni in Val di Noto (comitato no Triv). Partecipa alla nascita del comitato Addio Pizzo di Catania. Alle regionali siciliane del 2008 si candida con lista “Amici di Beppe Grillo con Sonia Alfano Presidente”, ma non viene eletta. Elezione che arriva 5 anni dopo, nel 2013, quando viene eletta alla Camera. Secondo i dati Openpolis è stata presente nel 65% delle votazioni, votando meno di una volta su cento in maniera diversa rispetto al suo gruppo parlamentare. 

 

 


 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it