agi live
Casa Cruz è il nuovo ristorante più esclusivo e costoso di New York 

Casa Cruz è il nuovo ristorante più esclusivo e costoso di New York 

Alcuni membri hanno pagato tra i 240 mila e i 475 mila euro per una tessera che dà loro accesso al pranzo o alla cena in sale decorate con opere di Andy Warhol e Fernando Botero

casa cruz nuovo ristorante esclusivo costoso New York 

© Instagram - Casa Cruz

AGI - “I prezzi del menu di Casa Cruz sono ragionevolmente economici se si tiene conto del fatto che è il nuovo hotspot in uno dei quartieri più elitari di una delle città più costose del mondo”, scrive il Paìs nel descrivere questo locale definito come il “nuovo hotspot di Manhattan”, un club privato i cui membri hanno pagato una fortuna per poter pranzare o cenare tra opere d'arte di David Hockney o Keith Haring.

“La picaña di manzo wagyu alla griglia accompagnata da carote arrostite e patate dolci al carbone costa 82 dollari (78 euro) – si legge nell’articolo – mentre la braciola di vitello alla griglia con patate si aggira intorno agli 81 dollari (77 euro)”. Ma il conto sale stratosfericamente se si vogliono assaggiare i piatti dello chef Bill Brasile in una delle sale private di Casa Cruz, a metà strada tra un ristorante e un club. “I suoi 99 membri hanno pagato tra i 240.000 ei 475.000 euro per una tessera che dà loro accesso al pranzo o alla cena nelle sale decorate con opere anche di Andy Warhol e Fernando Botero”.

Secondo il Paìs i milionari di New York sono affascinati da questo tipo di club da vent’anni. Dall'apertura di Soho House nel 2003, “questi luoghi che promettono esclusività e privacy non hanno smesso di proliferare”: c'è The Core Club e The Aman, a Midtown; Neue House, nel Greenwich Village; Zero Bond, in NoHo; Casa Cipriani, a Lower Manhattan, e Fasano, sulla Fifth Avenue. La maggior parte di loro addebita tra i 3.800 ei 4.800 euro di canoni annuali, ma Casa Cruz è diversa. Tecnicamente non è un club, ma un ristorante di cucina sudamericana e mediterranea — "tra la pampa argentina e Positano", come lo definisce il Wall Street Journal— con un centinaio di soci che “hanno pagato tra un quarto e mezzo milione di euro per sentirsi signori e padroni in una magione centenaria di sei piani nell'Upper East Side”. 

La sala da pranzo, il bar e le sale riunioni nelle aree Vip sono inebrianti e glamour. Alcune camere sono rivestite con pannelli in ciliegio brasiliano e dettagli in rame, altre sono rivestite in velluto a coste verde. Ci sono caminetti in marmo e tende cinesi. I camerieri indossano uniformi create dalla stilista neozelandese Emilia Wickstead, una delle preferite della principessa Kate Middleton.

Secondo Juan Santa Cruz (Santiago del Cile, 51 anni), fondatore di Casa Cruz, una delle cause del successo di Casa Cruz è da attribuire alla pandemia: “Ci sono persone che hanno capito di voler stare con altri come loro. Il mio club è piccolo, solo 99 soci e le loro famiglie. Ma sono tutte molto interessanti. Non ammettiamo nessun altro, non ci sono più posti", dice il ristoratore, che conclude: ““New York è in continua evoluzione, ma è sempre la stessa. Continua ad essere la città più importante del Paese più importante del mondo”, conclude Santa Cruz. "Un uomo d'affari molto importante recentemente mi ha avvertito: 'Mai scommettere contro New York perché New York vince sempre'”.