agi live
Le ricette vintage di B. Dylan Hollis che spopolano su TikTok

Le ricette vintage di B. Dylan Hollis che spopolano su TikTok

La star dei social si rifa ai libri scovati durante la pandemia per piatti cucinati con penuria di ingredienti, come le finte torte di mele dell'era Depressione del '29

ricette vintage dylan hollis spopolano tiktok

© L'Immaginario / AGF
-

AGI - È vero, non c’è nulla di più inedito di ciò che è già edito. Sembra essersi ispirato a questa filosofia B. Dylan Hollis, 27 anni, che è diventato una star da 9 milioni di follower che spopola su TikTok con la sua “cucina vintage”, attinta da ricettari e talismani che risalgono al XX secolo, dopo aver collezionato nei mercatini di libri ben 340 titoli di diverso genere culinario. Con fornelli e forno lui non inventa nulla ma riproduce, a modo suo. E racconta le ricette dal vivo tra battute e smorfie.

Se nel corso della pandemia le persone si sono buttate a fare il pane coltivando il lievito madre, lui s’è gettato sulle finte torte di mele dell’era della Depressione (1929) e spaghetti in stile anni ’60 e su ricette ispirate a “periodi contrassegnati da penuria, guerra e generi alimentari trasformati”, spiega il Washington Post, che descrive così Hollis: “Non aveva mai cucinato seriamente prima della pandemia, Nato e cresciuto alle Bermuda, Hollis si è trasferito nel 2014 per frequentare il college a Laramie, nel Wyoming, dove ha studiato jazz da big band degli anni '40 e ha guidato una classica Cadillac del 1963”.

Ma “all'inizio della pandemia, ha iniziato a pubblicare cortometraggi divertenti su TikTok sul Wyoming e il jazz, soprattutto per evitare la noia” fino a quando “ha scoperto le sue prime ricette vintage e ne è rimasto folgorato” cucinando un pane nel modo in cui veniva cucinato nel 1932 “con tutta la penuria di ingredienti che caratterizzava quel momento storico”. Anche se i suoi risultati non sono masi garantiti, chiosa il quotidiano. Un tipo originale.

Che sia una torta al maiale o un pane al burro di arachidi, le sue ricette alla fine hanno sempre tutte un grande punto interrogativo. Ma alla fine, quando è il momento di assaggiare il pane, la sua faccia sempre scettica si rilassa in un sorriso soddisfatto ed esclama: "Ecco perché cucino". Tra bruciori allo stomaco e piaceri nostalgici, più spesso i suoi fan sono d’accordo con lui.