agi live
Un drone per taxi entro il 2030. La nuova strategia europea

Un drone per taxi entro il 2030. La nuova strategia europea

Dai servizi di emergenza, mappatura e sorveglianza alla consegna urgente di piccole spedizioni, come campioni biologici o medicinali, ai servizi innovativi di mobilità aerea. Ecco come la Commissione europea investe sui droni 2.0

servizi emergenza taxi volanti nuova strategia droni

 Il sistema Aeroscope per il controllo dei droni

AGI - Entro il 2030 i droni entreranno a fare parte della vita europea. Dai servizi di emergenza, mappatura, imaging, ispezione e sorveglianza nell'ambito dei quadri giuridici applicabili da parte di droni civili, alla consegna urgente di piccole spedizioni, come campioni biologici o medicinali, ai servizi innovativi di mobilità aerea, come i taxi aerei, che forniscono servizi di trasporto regolari per i passeggeri, inizialmente con un pilota a bordo, ma con l'obiettivo finale di automatizzare completamente le operazioni.

È la strategia europea per i droni 2.0 presentata dalla Commissione europea, che punta a stabilire come l'Europa possa perseguire operazioni commerciali con i droni su larga scala, offrendo anche delle opportunità nel settore.

Secondo la Commissione, "per liberare il potenziale del mercato dei droni e dei servizi dell'Ue è necessario identificare i blocchi tecnologici critici, come l'intelligenza artificiale, la robotica, i semiconduttori, i servizi spaziali e le telecomunicazioni mobili dell'Ue. Ciò aiuterà l'Ue a costruire un settore dei droni innovativo e competitivo, riducendo le dipendenze strategiche".

La strategia individua anche aree sia di sinergia tra droni civili e da difesa che di aumento delle capacità di contrasto ai droni e di resilienza dei sistemi. La Commissione avvierà ora i lavori sulle 19 azioni operative, tecniche e finanziarie della strategia "per creare il giusto ambiente normativo e commerciale per lo spazio aereo e il mercato dei droni di domani".

Le azioni includono l'adozione di norme comuni per l'aeronavigabilità e di nuovi requisiti di formazione per i piloti di velivoli remoti e eVtol (decollo e atterraggio verticale elettrico con equipaggio); il finanziamento della creazione di una piattaforma online per supportare gli stakeholder locali e l'industria nell'attuazione di una mobilità aerea innovativa e sostenibile; lo sviluppo di una Roadmap strategica della tecnologia dei droni per identificare le aree prioritarie per la ricerca e l'innovazione, per ridurre le dipendenze strategiche esistenti ed evitare che ne sorgano di nuove; la definizione dei criteri per un'etichetta volontaria per i droni approvati per la cybersicurezza.

"Questo lavoro preparerà la strada per operazioni commerciali su larga scala e garantirà che l'Europa tragga vantaggio dalle sinergie tra l'uso civile, di sicurezza e militare dei droni e delle tecnologie correlate, comprese le soluzioni di contrasto ai droni", ha puntualizzato la Commissione Ue.