Sicurezza informatica e compliance le sfide principali dei top manager

Sicurezza informatica e compliance le sfide principali dei top manager

Tra le sfide per principali per i CTO anche la compliance (la conformità ai regolamenti e alle norme) e la compatibilità dell'infrastruttura aziendale e dell'esperienza utente

Sicurezza informatica compliance sfide principali top manager

© Afp 
- Data center

AGI - La maggioranza dei Chief Technology Officer provenienti da Stati Uniti (63%), Brasile (61%) e India (71%) hanno citato la sicurezza informatica come una delle principali sfide che devono affrontare all'interno delle loro aziende.

Tra le sfide per principali per i CTO degli Stati Uniti (64%) e del Regno Unito (67%) anche la compliance (la conformità ai regolamenti e alle norme) e la compatibilità dell'infrastruttura aziendale e dell'esperienza utente.

Sono alcuni dei risultati emersi dalla ricerca presentata da Lenovo, realizzata su scala globale su 500 Chief Technology Officer, il top manager che in un’azienda segue le dinamiche relative allo sviluppo tecnico, informatico e digitale.

L’analisi è stata presentata durante il Tech World ’22, appuntamento dedicato ai nuovi prodotti della multinazionale dei computer. Lo studio ha svelato i punti di vista di CTO su come l'IT tradizionale continuerà a evolversi in una "nuova architettura IT" in cui i dispositivi client, l'edge computing, il cloud computing, la rete e l'Intelligenza Artificiale lavorano tutti insieme per affrontare le sfide del digitale e fornire soluzioni che promuovono un'ulteriore digitalizzazione globale in tutti i settori. 

Dallo studio è emerso anche che il passaggio all'ambiente di lavoro ibrido sta aumentando l'importanza degli elementi dell'architettura IT. I CTO hanno una prospettiva positiva sull'architettura tecnologica della loro organizzazione, con il 43% che la definisce "migliorata", il 39% che la considera "facile da usare" e solo il 6% che la definisce "carente". Gli elementi che stanno assumendo un'importanza crescente includono dispositivi intelligenti (76%), Smart IoT (70%) e Scenario-Based Solutions (76%). Guardando al futuro, i CTO hanno notato l'importanza del cloud, del software e dell'informatica come componenti chiave per il futuro di un ambiente di lavoro ibrido, con l'84% di ottimismo sul futuro del cloud ibrido.

“Questi risultati della ricerca sono incredibilmente preziosi poiché l'industria ICT continua a innovare e costruire nuove capacità tecnologiche per il futuro. Questa ricerca ci fornisce informazioni approfondite sulle priorità e sulle aspettative dei CTO globali” ha spiegato Yong Rui, CTO di Lenovo.

Nel corso del suo Tech World ’22, Luca Rossi, President dell’Intelligent Devices Group di Lenovo, ha presentato i prototipi del portatile e dello smartphone che si arrotolano. I concept sono stati realizzati in collaborazione con Motorola. Tra le novità presentate nel corso dell’appuntamento anche Cyber Spaces, soluzione olografica interattiva e fisica per la comunicazione immersiva in telepresenza per il lavoro di squadra, chiamata Cyber Spaces. "La tecnologia - ha dichiarato Yuanqing Yang, Presidente e CEO di Lenovo - sta trasformando il nostro futuro spazio di lavoro e spazio abitativo in una combinazione di mondi virtuali e fisici, resi possibili dalla potenza della nuova infrastruttura IT che è diffusa, prevista e on demand”. Per Yang, “il potere dell'innovazione non è solo la digitalizzazione e la smartificazione di tutti i settori, ma anche la soluzione alle più grandi sfide dell'umanità. A tal fine, Lenovo ha raddoppiato l’investimento in ricerca e sviluppo affinché la tecnologia intelligente possa contribuire in modo efficace a un mondo in rapida evoluzione".