Cose presentate al Ces di Las Vegas che possono davvero cambiare le nostre vite

Anche quest'anno cose piuttosto spettacolari arrivano dall'automotive e dai robot. Alcuni sono cagnolini innocui, altri molto meno 

ces las vegas
 (Afp)
 Sony, il cagnolino robot

Dal 1967 è l’evento che racconta al mondo le nuove frontiere della tecnologia. Tutti gli anni al CES di Las Vegas si presentano prodotti che promettono di cambiare il mondo. In realtà tutti quelli che vanno con un prodotto al Ces vogliono che il loro cambi il mondo. Ma in pochi casi succede, è la norma.

Ad esempio, negli stessi spazi che in questi giorni si espongono prodotti, idee, innovazioni di ogni genere, anni fa avremmo trovato i prototipi del VHS, delle videocassette (correva l’anno 1970) o un’icona come l’Atari 800 (l’edizione del 1979). Nell’’81 si presentarono i CD (Compact Disc) e cominciò la digitalizzazione della musica destinata a mandare in soffitta l’analogico. Nel 1991 arrivò la PlayStation - presentata in un’edizione ricchissima del Ces - nel 2016 la rivoluzionaria supercar di Tesla con il prodotto che più interessò la stampa.

photogallery

Il Ces di Las Vegas in 20 idee 


  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Il CES 2018 che si svolge a Las Vegas fino al 12 gennaio è la più grande fiera annuale della tecnologia di consumo con 3.900 espositori che mostrano i loro ultimi prodotti e servizi a più di 170.000 partecipanti
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    La macchina per esercizi di realtà virtuale ICAROS. Le macchine consentono all'utente di volare attraverso un ambiente virtuale
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Un'auto è scansionata dallo scanner 3D professionale intelligente palmare Artec Leo
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Gli occhiali B: CON che trasmettono musica via bluetooth all'utente tramite conduzione ossea
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Il sistema di miglioramento del sonno indossabile Philips SmartSleep. Il sistema SmartSleep da include un sensore posizionato dietro l'orecchio dell'utente che rileva quando si entra nel sonno ad onde lente (profondo) e fornisce toni personalizzati per rendere il sonno più efficiente. L'app mobile SleepMapper spiega le fasi del sonno e offre suggerimenti per migliorare le abitudini 
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    La macchina che piega i vestiti, FoldiMate. La cartella di lavanderia robotizzata può gestire capi di abbigliamento di dimensioni che vanno da un bambino di 4 anni fino a un XXL e può piegare un carico di biancheria in meno di quattro minuti. Dovrebbe essere disponibile alla fine del 2019
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Il robot assistente personale CLOi di LG
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Il robot compagno di BUDDY di Blue Frog Robotics
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    La nuova generazione del robot Aibo che utilizza intelligenze artificiali
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Due "robot stripper", ballerini erotici robotici si esibiscono in una 'pole dance'
  •  Agf
    10 gennaio 2018,15:37
    Due ragazze provano delle creazioni durante la fiera del Ces 2018
  •  Agf
    10 gennaio 2018,15:37
    Da Velco le nuove luci digitali per biciclette
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Neova, un anello collegato che migliora gli effetti sugli strumenti musicali con i movimenti delle mani
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Una nuova stazione di misurazione del microclima
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    I robot BTECH: primo da sinistra "Stormtrooper" e, al centro, 'Lynx' l'assistente vocale abilitato per Alexa di Amazon
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Un guanto 'smart' RAPAEL, per assistere nella riabilitazione di pazienti colpiti da ictus
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Melomind, un paio di cuffie con quattro sensori elettroencefalografici per monitorare l'attività del cervello
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Le scarpe intelligenti E-vone con avviso di caduta 
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
    Una custodia impermeabile Catalyst per iPhone
  •  Afp
    10 gennaio 2018,15:37
     La Mercedes Smart Vision EQ

In mezzo a tanti gadget, a volte inutili, anche quest'anno però si può trovare qualcosa che se proprio non cambierà il mondo, almeno qualcosa ce la fa immaginare.

Cartoline dal futuro? Alcuni concept del CES 

A cominciare dall’industria dell’automotive che continua ad essere da qualche anno forse il trend determinante per il Consumer Electronic Show (il nome che si nasconde dietro l’acronimo Ces). Un esempio? Partiamo da un magazine piuttosto freddo nei confronti del Ces, The Next Web, che però quest’anno, un po’ ironicamente, scrive che l’unica cosa che davvero vale la pena di vedere al Ces è il furgone a guida autonoma che consegna le pizze di Pizza Hut, la nota catena americana che in partnership con Toyota ha costruito questo cubicolo metallico.

Il concetto più generale di Toyota si chiama e-Palette, ed è una macchina modulare a guida autonoma, personalizzabile da parte delle aziende. Non solo Pizza Hut, ma tutte le aziende. In Italia c’è un’azienda che da anni lavora a questo genere di progetti, si chiama OSVehicle e abbiamo raccontato qui il loro progetto.

Dietro questo progetto di Toyota si nasconde una grande rivoluzione che sta attraversando l'industria dell'automotive, che alcuni come l'ex numero uno di General Motors dicono sia oramai spacciata. O comunque destinata a cambiare per sempre

Non solo. A testimonianza che è l’automotive a destare la maggior parte dell’interesse basta guardare questo video dove si racconta un altro concept di auto a guida autonoma, ma senza ruote. Modulare, componibile, nell’idea spettacolare. Lo ha realizzato Renault, ed è piuttosto suggestiva come idea di trasporto. E di condivisione di una tratta. 

Honda invece ha lavorato sulle moto. E ha creato questa due ruote singolare, in grado di stare in equilibrio. Non solo. È in grado anche di muoversi da sola, a comando, per seguire il proprietario magari. O semplicemente essere richiamata dal garage all’occorrenza. L'equilibrio è un po' l'essenza della moto, ed è lecito immaginare che quest'idea sarà determinante nel futuro delle due ruote fuori dalle competizioni sportive. 

A proposito di guide autonome e automazione, in un deposito di Alibaba, il secondo ecommerce più grosso al mondo dopo Amazon, i robot fanno il 70% del lavoro e con un’efficienza del 300% in più. L’armonia con cui si muovono ad alcuni potrebbe sembrare celestiale, ad altri diabolica. Vale ancora la pena chiedersi se i robot ci fregheranno il lavoro

 

Ecco, ora ricordate Sophia? Il robot che Agi conobbe e intervistò al Web Summit di Lisbona lo scorso novembre. Bene, la novità è che oltre ad essere in grado di parlare, ammiccare, raggelare il sangue con le sue risposte in alcuni casi, al Ces hanno svelato che ha imparato a camminare.

 

 

Sony invece ha presentato un cane robot che a quanto pare sta avendo anche più successo tra i giornalisti rispetto a Sophia. A Las Vegas fanno a gara per riuscire a dargli qualche indicazione, accarezzarlo.

 

Questo robot è meno bello, ma molto più funzionale. Gioca a ping-pong, e discretamente bene. Lo ha prodotto Omron, una casa giapponese che produce macchine per l’automazione industriale. Qui gioca, ma la sua tecnologia è finalizzata a migliorare la produttività delle aziende. Ancora, vedi Sophia, vedi Alibaba. 

 

Del discorso del Ceo di Intel potete trovare tutto qui (ovviamente ha parlato della falla del sistema di sicurezza che ha coinvolto i processori negli ultimi giorni). Ma il vero spettacolo si è avuto qualche minuto prima. Quando è stato introdotto dalla danza dei Droni. La tecnologia d'altro canto il mondo dello spettacolo lo ha già cambiato, e lo cambia da millenni, almeno dal tempo delle maschere greche indossate nei teatri per una migliore profusione del suono negli anfiteatri. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it