Storia di Erik, che ha mollato la scuola ed è diventato milionario. Grazie a Bitcoin

Figlio di due PhD di Stanford, fratello di due geni dell'hi-tech, aveva fatto una scommessa con la famiglia

Storia di Erik, che ha mollato la scuola ed è diventato milionario. Grazie a Bitcoin

Tre anni fa, Erik Finman, adolescente americano dello stato rurale dell'Idaho, non ha più voluto saperne della scuola: ha chiesto ai suoi genitori di ritirarlo dall'istituto e di permettergli di studiare in casa perché quel tipo di educazione "non faceva per lui". Una storia come tante, fin qui, se non fosse che Erik ha alzato la posta in gioco: se fosse diventato milionario entro i 18 anni, mamma e papà - entrambi PhD in fisica e ingegneria elettrica alla Stanford University - non lo avrebbero costretto a iscriversi all'università.

A tre anni da quel patto, Erik ha vinto la sua scommessa. Come? Investendo in bitcoin - la moneta virtuale - e sviluppando uno spirito imprenditoriale. La sua storia sta rimbalzando sui media americani, infarcita com'è di ingredienti 'golosi' che vanno dalla critica al sistema scolastico americano al mito della Silicon Valley. Ma partiamo dall'inizio. 

Leggi anche: Cosa è bitcoin, come funziona e perché è la moneta degli hacker 

"Và a lavorare in un Mc Donald's"

A 12 anni, Erik riceve 1.000 dollari in regalo da sua nonna. Su consiglio del fratello maggiore, Scott, decide di investirli in Bitcoin. Poi continua con la sua vita. Le giornate trascorrono tra noia e frustrazione: il ragazzo non riesce a emergere a scuola e non si sente motivato. I suoi due fratelli maggiori, Scott e Ross, si sono fatti strada nei settori dell'hi-tech e dell'ingegneria, dopo un PhD al Mit, e a casa Erik si considera quasi la 'pecora nera' di una famiglia di menti brillanti che lui stesso definisce "la versione Elon Musk dei Kardashian".

Ma il punto di maggior frustrazione lo raggiunge quando un professore gli consiglia caldamente di "abbandonare gli studi e andare a lavorare da Mc Donald's" perché tanto nella vita "non avrebbe mai ottenuto nulla di buono". I suoi genitori decidono così di ritirarlo dalla scuola e a dare il via a un percorso di insegnamento a casa. 

Il bitcoin inizia a dare i suoi frutti

Nel 2013, Erik raccoglie i primi frutti del suo investimento. Il bitcoin è valutato 1.200 dollari a 'pezzo'. E, due anni dopo, quei mille dollari iniziali valgono 100mila dollari. Che farne? Il giovane Finman non ha dubbi e con una parte di quel denaro, all'inizio del 2014, crea Botangle: una piattaforma online che aiuta gli studenti frustrati come Erik a trovare un insegnante attraverso una video-chat. A 15 anni, Erik si trasferisce a San Francisco. Da li il passo per la Silicon Valley è breve. Lo stesso anno arriva anche la consacrazione dalla rivista Time: Erik Finman è tra i teen-agers più influenti

Da 100mila a 1 milione di dollari

Nel gennaio del 2015 trova un investitore che per Botangle gli offre 100mila dollari o 300 bitcoin, che all'epoca era crollato a 200 dollari a moneta. Erik sceglie i bitcoin e oggi vanta un patrimonio di 403 bitcoin, il cui valore ammonta a 1,09 milioni di dollari. Da allora cura i suoi investimenti e quelli della sua famiglia, e lavora ad alcuni progetti importanti, come quello del lancio di un razzo in collaborazione con la Nasa pensato per attrarre e reclutare studenti

"La scuola non funziona, meglio Wikipedia"

Se c'è una cosa che Erik ha imparato dalla scuola è che "non funziona bene per tutti". "Non raccomanderei a nessuno questo sistema scolastico", ha dichiarato diverse volte ai media americani, aggiungendo: "Puoi imparare molte più cose su Wikipedia o su Youtube".