Come funzionano le chiavi intelligenti con cui Amazon aprirà casa nostra

La piattaforma di e-commerce americana doterà i propri corrieri di un sistema di apertura con codice delle porte sulle quali sarà montata un webcam

Come funzionano le chiavi intelligenti con cui Amazon aprirà casa nostra
Amazon 
Magazzino Amazon di Vercelli 

​Amazon introduce sul mercato le serrature intelligenti, grazie alle quali i corrieri potranno effettuare le consegne anche quando non siamo in casa. Grazie a un’app il cliente potrà aprire la porta di casa sua da remoto, così che il pacco possa essere lasciato all’ingresso. Una volta che il corriere si chiude la porta alle spalle, questa si blocca automaticamente. Il servizio sarà disponibile solo per gli utenti con account Prime - quello che consente di ricevere le spedizioni in un giorno - e per ora sarà sperimentato in 37 città statunitensi. Questa scelta è dovuta al fatto che Amazon vuole che a installare la serratura siano i propri operatori, così da prevenire eventuali malfunzionamenti.

Come funzionano le chiavi intelligenti con cui Amazon aprirà casa nostra
 furgone amazon

Il servizio - che si chiama Amazon Key - arriva insieme alla nuova Amazon Cloud Cam, una webcam da interni che può essere posizionata davanti all’ingresso, in modo da consentire all’utente di supervisionare la consegna del pacco da remoto.

Alla ricerca della massima fiducia dei clienti

Con questa iniziativa Amazon punta a diventare il portiere di fiducia dei suoi utenti: secondo le proiezioni dell’azienda la serratura intelligente potrà essere integrata con fornitori terzi di servizi, come i dogsitter e le società di pulizie a domicilio, che a questo punto potranno svolgere le loro mansioni senza che questo vincoli il cliente. La serratura automatica non arriva comunque come una novità nel mondo delle compagnie tecnologiche: AirBnb, servizio che consente di affittare la casa da proprietario a utente, consente già da tempo l’integrazione con le serrature elettroniche. Con fortune alterne. L’azienda che produce una delle serrature AirBnb-compatibili, ha avvisato lo scorso agosto con una mail che alcuni dispositivi erano da sostituire, a causa di un aggiornamento che, sostanzialmente, li ha ‘rotti’. I possessori di - fortunatamente - solo 500 serrature, sono stati costretti a tornare temporaneamente al medioevo delle chiavi dentate, in attesa che arrivassero i pezzi sostitutivi. In un’altra occasione, dopo aver lasciato una recensione particolarmente negativa sul funzionamento di un meccanismo di apertura automatica dei garage prodotta da una startup statunitense, il cliente si è visto disattivare l’apparecchio da remoto, per ripicca.

Il sistema integrato tra serratura e telecamera consente di fatto che Amazon acquisisca ulteriori informazioni sulle abitudini e gli orari dei clienti, portando a un nuovo livello l’invasività dell’Internet-delle-cose, ovvero di quell’insieme di accessori connessi a Internet che spopolano nei nostri salotti, e che nel 2017 hanno raggiunto i 20 milioni di unità.

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it