Chi ha ragione tra Saviano e Salvini su sbarchi e morti in mare?

Per il ministro dell'Interno, con nessuna nave Ong davanti alla Libia non c'è stato nessun decesso. Lo scrittore lo accusa di essere "ingannevole e disonesto"

saviano salvini migranti sbarchi morti in mare

Lo scrittore e giornalista Roberto Saviano il 28 aprile ha criticato sulla sua pagina Facebook un post del ministro Salvini che tratta del numero di sbarchi e morti nel Mediterraneo. Abbiamo verificato chi ha ragione.

Lo scontro

In un post del 28 aprile, il ministro dell’Interno ha scritto: "Nessuna nave Ong davanti alla Libia, nessuna partenza, nessuno sbarco, nessun morto. Che coincidenza...". Sotto il messaggio, Salvini ha pubblicato una mappa del Mediterraneo in cui si vede che nessuna nave Ong si trova nell’area Sar (Search and Rescue) della Libia.

Secondo Saviano il post di Salvini è "ingannevole e disonesto", in quanto "si riferisce alla situazione registrata alle 7.30 del 28 aprile. Solo a quel determinato istante. Ma che non ci fossero barconi in mare, morti o sbarchi in quel momento non significa che non ce ne siano stati il giorno prima o un secondo dopo".

Saviano elenca quindi diversi dati che dimostrerebbero la sua tesi, sostenendo che provengono dal Ministero dell’Interno: «Migranti arrivati in Italia dal 1.01.2019 al 21.04.2019: 647 (quindi non “nessuno sbarco”, Salvini). Migranti morti o dispersi nel Mediterraneo centrale (rotta Libia-Italia) dal 1.01.2019 al 21.04.2019: 255 (quindi non “nessun morto”, Salvini)».

I dati citati da Saviano sono corretti; l’immagine e il messaggio di Salvini sono invece una semplificazione fuorviante.

Gli “sbarchi fantasma”

Per prima cosa specifichiamo che il campo della nostra analisi è ristretto solo agli sbarchi di cui il Ministero dell’Interno ha notizia. Questi arrivi coinvolgono le navi delle Ong o altri vascelli – ad esempio navi mercantili o navi militari – che soccorrono i migranti in difficoltà e li trasportano in Italia, in coordinamento con le autorità nazionali. O quelli dei barconi guidati dagli scafisti che vengono intercettati.

Restano invece esclusi i cosiddetti  “sbarchi fantasma”, che avvengono senza che le autorità italiane ne abbiano il controllo. Questi arrivi riguardano ad esempio le barche che viaggiano con il Gps spento, riescono a raggiungere le coste italiane e a far sbarcare i migranti senza essere intercettate. Un fenomeno che sarebbe andato in crescendo dopo il restringimento del flusso migratorio in partenza dalla Libia.

I dati citati da Saviano

I numeri citati da Saviano – che su Facebook ha anche pubblicato il link della sua fonte – provengono dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), che a sua volta li riceve dal Ministero dell’Interno.

Tra il 1° gennaio e 21 aprile 2019, in Italia sono stati registrati 647 sbarchi e 255 tra morti e dispersi nella rotta che dalle coste nordafricane porta al nostro Paese.

È vero dunque che le morti in mare e gli sbarchi sulle coste italiane non si sono azzerati, anche dopo l’applicazione delle nuove politiche del governo in tema di immigrazione.

Anzi, come avevamo già scritto in passato, il rapporto tra il numero dei morti e quello degli sbarchi mostra che la traversata del Mediterraneo è diventata oggi più pericolosa rispetto al passato.

Tra il 1° gennaio 2018 e il 21 aprile 2018 erano arrivati 7.575 migranti e i morti e dispersi erano stati 347. Nello stesso periodo di quest’anno, il numero degli sbarchi è dunque calato di un intero ordine di grandezza, passando da più di settemila a meno di settecento, mentre il numero dei morti si è ridotto di circa un terzo, passando da meno di 350 a poco più di 250.

Ma esiste un legame, come sostiene Salvini, tra la presenza di navi delle Ong e gli arrivi dei migranti dalle coste nordafricane? Le organizzazioni umanitarie incentivano davvero le partenze?

Il ruolo delle Ong

Questa questione è dibattuta da tempo. In passato abbiamo già verificato come il drastico calo negli arrivi dalla Libia sia dovuto in particolare agli accordi siglati dal precedente ministro dell’Interno Marco Minniti con alcune fazioni libiche nell’estate del 2017.

Ma questo calo si è accentuato ulteriormente con l’arrivo di Salvini al Viminale, come dimostrano i dati del Ministero; è dunque possibile che la “linea dura” sulle Ong e sugli sbarchi in generale abbia prodotto degli effetti sulle partenze. Questo è possibile, ma non sicuro.

Secondo una ricerca del 2017, per esempio, pubblicata dall’Università di Oxford, non esiste alcuna correlazione tra il numero di migranti salvato dalle Ong e il numero di partenze. Stesso discorso per i morti: il loro numero non cresce se ci sono più soccorsi delle Ong nel Mediterraneo.

Tiriamo le fila

L’assunto di Salvini: «Nessuna nave Ong davanti alla Libia, nessuna partenza, nessuno sbarco, nessun morto» è una semplificazione fuorviante.

Anche escludendo le partenze e gli sbarchi “fantasma”, di cui non si ha notizia, nel corso degli ultimi mesi ci sono stati partenze e sbarchi di migranti, e oltre 250 morti e dispersi tra loro. Come dimostra la cronaca, gli sbarchi avvenuti non sono sempre passati dalle navi delle Ong.

Il crollo degli arrivi è oltretutto antecedente all’insediamento di Salvini al Viminale e alla sua politica in materia migratoria. L’accentuarsi di questo calo negli arrivi con il nuovo esecutivo, oltretutto, potrebbe essere influenzato dalla “linea dura” – che coinvolge anche le Ong – ma non è certo.

Conclusione

Se si può sostenere dunque, pur con un margine di incertezza, che la politica migratoria del governo Lega-M5s e in particolare di Salvini hanno accentuato il calo degli sbarchi e hanno ridotto il numero assoluto dei morti in mare, non si può invece sostenere – come fa il ministro dell’Interno – che aver ostacolato le navi delle Ong abbia prodotto il risultato di «nessuna partenza, nessuno sbarco, nessun morto».

A prescindere dalla presenza delle navi delle Ong ci sono infatti stati negli ultimi mesi sbarchi e anche morti in mare. Anzi, il tasso di mortalità tra i migranti che tentano la traversata del Mediterraneo centrale è oggi talmente elevato che, nonostante il crollo delle partenze e degli arrivi, la diminuzione dei morti e dei dispersi è relativamente contenuta.

Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking,

scrivete a dir@agi.it



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.