Expo Dubai
Nella Giornata dello spazio Leonardo e Telespazio premiano i vincitori del T-Tec a Expo Dubai
Expo Dubai

Nella Giornata dello spazio Leonardo e Telespazio premiano i vincitori del T-Tec a Expo Dubai

All’evento hanno preso parte esponenti di spicco del settore spaziale italiano, europeo ed emiratino

nella giornata dello spazio Leonardo e Telespazio premiano i vincitori del T-Tec a Expo Dubai

Alessandro Lotti and Giacomo Curzi, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

AGI - Lo Spazio non ha frontiere. È anche questo il messaggio lanciato dalla terza edizione del #T-TeC, il contest di Open Innovation nel settore spaziale promosso da Leonardo e Telespazio, con il patrocinio di ASI ed ESA, per la prima volta aperto a studenti e ricercatori di tutto il mondo. Proprio nel giorno in cui si celebra la prima Giornata Nazionale dello Spazio, istituita dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Palco del Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai ha ospitato la cerimonia di premiazione dei giovani partecipanti al concorso, collegati con le celebrazioni in corso a Roma.

All’evento hanno preso parte esponenti di spicco del settore spaziale italiano, europeo ed emiratino, tra cui Luigi Pasquali, Coordinatore delle attività spaziali di Leonardo e AD di Telespazio, Pierpaolo Gambini, SVP of Innovation and IP di Leonardo, Stefano Beco, Head of Technology, IPR and Product Policy e Marco Brancati, SVP of Innovation and Technology Governance di Telespazio, Robin Biesbroek, ADRIOS Mission Performance and Modelling Engineer di ESA, Sultan Al Zeidi, principle engineer del dipartimento delle comunicazioni e dei sistemi elettronici delle missioni spaziali, Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti.

“Mai come quest’anno il #T-TeC ha avuto un carattere internazionale” ha detto Pasquali. “Particolarmente significativo è il fatto che numerosi team siano il frutto di collaborazioni internazionali tra Università di paesi diversi, a dimostrazione di come l’innovazione, così come lo Spazio, abbia un forte carattere di cooperazione. Proprio per questa peculiarità, abbiamo deciso di annunciare i vincitori nel corso della prima Giornata Nazionale dello Spazio che celebriamo anche qui al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai, manifestazione internazionale per eccellenza, per evidenziare l’impegno di Leonardo nel promuovere l’innovazione e la cooperazione”

Robin Biesbroek ha sottolineato la complessità e maturità dei progetti presentati dai ragazzi, che in molti casi hanno anche sottoposto a test le loro proposte, mentre Sultan Al Zeidi ha dichiarato: “È un privilegio far parte di T-TeC 2021, una piattaforma creata da Leonardo per connettersi con menti brillanti qui a Expo per esplorare nuove idee e trovare nuove soluzioni per le sfide che stiamo affrontando nel New Space. Se vogliamo vincere queste sfide, è necessaria la cooperazione internazionale tra agenzie, aziende e ricercatori, per questo abbiamo apprezzato molto l'iniziativa T-TEC”

Il primo premio in palio, pari a 10mila euro, è stato assegnato al team dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna (Italia) che ha presentato un progetto di sviluppo di un piccolo satellite modulare in grado di prolungare la vita in orbita degli asset spaziali, mitigando anche il problema dei detriti orbitanti. Il secondo premio, del valore di 6mila euro, è stato assegnato a un team composto da studenti provenienti dalle università argentine Universidad Nacional de La Plata, Universidad de Palermo, Universidad Buenos Aires, Universidad Argentina de la Empresa, dalla Universidad Don Bosco di El Salvador e dalla ETH Zurich (Svizzera), che hanno ideato un innovativo cubesat pensato come  il più piccolo, leggero ed economico lander ad atterrare sulla Luna. Il terzo premio è andato a un team del CNRS (Centre national de la recherche scientifique - Francia) e dell’Università di Siena (Italia), che ha proposto una soluzione in grado di aumentare il carico utile di un satellite sostituendo il telaio con un materiale intelligente (cosiddetto smart skins) fabbricato sfruttando la produzione additiva in metallo.