Web tax: Francia la introdurrà nel 2019 anche senza accordo Ue

Web tax Francia 2019 senza accordo Ue

La Francia introdurrà una tassa nazionale sui colossi informatici dal 2019 se i negoziati europei sulla web tax non dovessero giungere a buon fine. Lo ha dichiarato il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, che ha invitato l'Ue a essere "coraggiosa".     Se i negoziati a livello europeo fallissero, "lo faremo a livello nazionale", ha spiegato il ministro intervenendo su France2, annunciando una tassa sui giganti del web a livello a partire dal 2019.     I Paesi dell'Ue stanno negoziando da marzo scorso sua una direttiva presentata dalla Commissione europea che prevede l'imposizione di una tassa sul fatturato del GAFA (Google, Amazon, Facebook, Apple). La Francia, tra i principali sostenitori della proposta, sperava in un'approvazione prima del 31 dicembre. Negli ultimi mesi però diversi Paesi, tra cui Irlanda e Danimarca, si sono opposti al progetto. La Germania - che teme le misure di ritorsione americane contro la sua industria automobilistica - è stata riluttante. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it