Unhcr: la Libia non va considerata porto sicuro

Unhcr: la Libia non va considerata porto sicuro 


​La Libia non è un possibile porto di sbarco per i migranti soccorsi nel Mediterraneo, per via dei "gravi abusi" che questi rischiano di subire in quel Paese. Il monito è stato ribadito dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), che in una valutazione sui respingimenti del 2015 verso la Liba ha detto che il Paese nordafricano "non soddisfa" i criteri del luogo sicuro, previsti per i porti di sbarco dopo i salvataggi in mare. L'Unhcr ha inviato, quindi, gli Stati a "non riportare in Libia i cittadini di Paesi terzi intercettati o soccorsi in mare" e "a garantire che le persone bisognose di protezione internazionale possano accedere a procedure di asilo eque ed efficaci, dopo lo sbarco".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.