Su Twitter le bufale si propagano più velocemente delle notizie

I risultati di uno studio del Massachusetts Institute of Technology

Su Twitter le bufale si propagano più velocemente delle notizie

Sui social le fake news si diffondono molto più velocemente delle notizie vere. Almeno è così su Twitter, stando ai risultati di uno studio del Massachusetts Institute of Technology pubblicato sulla rivista Science. I ricercatori hanno analizzato la diffusione di notizie vere e false attraverso Twitter tra il 2006 e il 2007. I dati analizzati includevano circa 126mila articoli twittati da 3 milioni di persone oltre 4,5 milioni di volte. Dai risultati è emerso che le bufale si sono diffuse molto più velocemente, più in profondità e più ampiamente delle notizie vere.

Nel complesso, le bufale hanno avuto il 70 per cento di probabilità in più di essere ritwittate rispetto alle notizie vere. Le notizie vere raramente hanno avuto una diffusione superiore alle mille persone. Mentre quelle false hanno raggiunto fino a 100mila persone. Tra le fake news più popolari, quelle di carattere politico sono risultate le più gettonate, con un tasso di diffusione triplo rispetto alle altre bufale.

Uno dei motivi di questa capacità di diffusione sta nel loro rincorrere il più possibile le notizie di stretta attualità, il che porta gli utenti più sprovveduti a ritenerle notizie e a farle circolare più velocemente. Ovvero, più una bufala ha la caratteristica della notizia, più probabilità di essere ritwittate. Inoltre, secondo lo studio, le bufale più popolari tendono a ispirare paura, disgusto e sorpresa, mentre le notizie vere tendo a ispirare tristezza, gioia e fiducia. Infine, quando gli autori hanno utilizzato un algoritmo per eliminare i "bot" dalla loro analisi, ovvero programmi che possono essere utilizzati per diffondere in maniera automatica fake news, i risultati suggeriscono che a giocare un ruolo determinante nella diffusione delle bufale siano proprio gli esseri umani. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it