Perché per Assad è così importante riconquistare Idlib

Ieri sono iniziati i bombardamenti russi sull'ultima provincia in mano ai ribelli. Uno snodo strategico che ospita "il più esteso ammasso di profughi del mondo" e una composita congerie di gruppi armati: affiliati di al Qaeda, miliziani filoturchi e cellule dormienti dell'Isis

Perché per Assad è così importante riconquistare Idlib

È iniziata ieri con i bombardamenti dei caccia di Mosca l'offensiva militare russo-siriana sull'ultima provincia controllata dalle fazioni ribelli in Siria. Mentre le navi russe arrivano al porto di Tartous, le truppe fedeli a Bashar al Assad si stanno ammassando ai confini di Idlib. E adesso il rischio è di un bagno di sangue su larga scala, come avvenuto ad Aleppo, quello che un tempo era il principale polo economico industriale della Siria.

Che importanza riveste Idlib?

Idlib​ è importante perché l'estesa provincia ospita le ultime sacche di ribelli, soprattutto Hayat Tahrir al Sham: la sua riconquista certificherà una vittoria strategica, poiché dopo la ripresa delle Ghouta Orientale, di Daraa e di Quneitra il governo centrale potrà riottenere il totale controllo della Siria occidentale, dove vive la maggior parte dei siriani. Riprendere Idlib significa anche riprendere il controllo dell'autostrada M5, quella che parte dalla Giordania ed arriva fino in Turchia, fondamentale per le rotte di rifornimento, e della M4, che collega Aleppo a Latakia, città costiera roccaforte degli al Assad, oltre che sede della base aerea russa di Hmeimim.

"Il più esteso ammasso di profughi del mondo"

Prima dell'inizio della guerra nella provincia di Idlib vivevano circa 750.000 siriani, perlopiù agricoltori, in una zona celebre per la produzione di olive, grano e ciliegie. Oggi, la popolazione della provincia è triplicata: sarebbero circa 2,5 milioni i residenti dell'area, per lo più sfollati da altre province ricatturate nei mesi scorsi da Damasco. "Il più esteso ammasso di campi profughi del mondo", è stata tempo fa la definizione della provincia di Idlib da parte di Jan Egeland, a capo della task force umanitaria delle Nazioni Unite in Siria.

Tra i ribelli anche cellule dormienti dell'Isis

Oltre alla popolazione civile, ad Idlib ci sarebbero circa 70.000 miliziani delle formazioni ribelli, appartenenti a diversi gruppi: il principale è Hayat Tahrir al Sham (HTS), il nome del gruppo che fino al 2016 si è fatto riconoscere come 'Fronte Al Nusra', legato ad Al Qaeda, seguito dal Fronte di Liberazione nazionale, una coalizione ombrello che comprende Ahrar al Sham, la brigata Nureddine al Zinki e altre quattro piccole fazioni ribelli. Infine, c'è un piccolo esercito addestrato in Turchia, che dovrebbe comprendere circa 35.000 combattenti. Esistono anche alcune cellule dormienti dell'Isis, non allineate con i ribelli ma spesso impegnati in lotte intestine con loro.

Qual è la posizione dei principali attori regionali? 

La Turchia si oppone ad una offensiva su larga scala, nel timore che possa provocare una nuova ondata di profughi verso i suoi confini. Ankara vanta 12 punti di osservazione intorno ai confini di Idlib, e ha chiesto a Mosca di di isolare i ribelli qaedisti di HTS dalle altre formazioni. Mosca, da parte sua, ha ribadito il diritto siriano a riprendere il controllo del territorio e l'intenzione di sostenere l'offensiva "contro gruppi terroristici": un punto importante, perché per questi gruppi la Russia e la Siria considerano non valide le proposte di cessate il fuoco e di zone di deescalation.

L'Iran, l'altro principale alleato siriano, che sostiene milizie sciite oggi ammassate soprattutto intorno al confine est della provincia di Idlib, ha fatto sapere tramite il proprio ministro degli Esteri Mohammad Zarif che "i gruppi armati di Idlib devono essere scacciati, e che l'area dovrebbe tornare sotto il controllo del popolo siriano". Gli Usa hanno sempre minacciato di reagire in caso di un attacco con armi chimiche, ma nella notte il presidente Donald Trump ha lanciato un pesante monito: "Il presidente siriano Bashar al-Assad non deve attaccare sconsideratamente la provincia di Idlib. I russi e gli iraniani farebbero un grave errore umanitario partecipando a questa potenziale tragedia umana. Centinaia di migliaia di persone potrebbero essere uccise. Non lasciare che succeda!".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it