Una casa farmaceutica creava dipendenza dagli antidolorifici e poi vendeva la cura

Secondo un'inchiesta della Procura di New York, la famiglia Sackler, produttrice dell'OxyContin, era consapevole di fare affari sfruttando la dipendenza che il farmaco induce nei pazienti

scandalo antidolorifici usa
US Drug Enforcement Administration / AFP
 
Due pillole di OxyContin

Dopo aver guadagnato più di quattro miliardi di dollari dalla vendita di un farmaco a base di oppioidi, che generava dipendenza, avrebbero scoperto un nuovo filone per gli affari: vendere i farmaci per curare la dipendenza. Sarebbe questo il piano messo in piedi dalla famiglia Sackler, proprietaria da generazioni della Purdue Pharma, l'industria farmaceutica che ha costruito le sue fortune recenti dalla vendita dell'OxyContin, un analgesico più potente della morfina, che provoca dipendenza.

E' quanto emerge, secondo il New York Times, dall'inchiesta che la Procura dello Stato di New York ha aperto per fare luce sul giro di società, tra cui alcune off-shore, in cui i ricavi della famiglia, circa 13 miliardi di dollari, sono finiti in questi anni. I Sackler sono una storica famiglia di Brooklyn, formata da medici, studiosi e filantropi: tra i beneficiari delle loro ricche donazioni, il MoMa di New York, al punto che un'ala del museo d'arte contemporanea porta il nome della famiglia.

Ma nel campo degli affari i Sackler hanno mostrato un altro volto: come risulterebbe da alcuni documenti in mano alla procura, riuniti sotto il nome di "Tango Project", l'azienda era consapevole di fare affari sfruttando la dipendenza che i loro stessi farmaci inducono nei pazienti: "Trattamento del dolore e dipendenza sono naturalmente legati", si legge nel documento. Lo schema prevedeva la diffusione del farmaco per lenire i dolori e poi, generando dipendenza del paziente, immettere sul mercato un altro farmaco per lenire la dipendenza.

Nel mirino ogni tipo di paziente, dalla "donna di cinquant'anni con dolori cronici alla schiena - si legge in un documento interno - all'atleta di diciotto anni reduce da infortunio, dal più ricco al più povero". Gli avvocati della famiglia hanno negato qualsiasi intento da parte dei Sackler di voler monetizzare gli effetti collaterali dei farmaci, contestando l'ipotesi di aver volutamente favorito il fenomeno della dipendenza per accrescere gli affari.

Da quando l'OxyContin è uscito sul mercato, più di 200 mila americani sono morti per overdose legata alla prescrizione di oppioidi, un dato inquietante che - secondo quanto racconta il New York Times - poteva rivelarsi cattiva pubblicità per il prodotto. La strategia sarebbe stata quella di dare la colpa ai pazienti. "Dobbiamo martellare in ogni maniera chi ne fa abuso - avrebbe affermato Richard Sackler, rivolgendosi ai suoi dipendenti - loro sono i colpevoli e il problema. Sono criminali imprudenti". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.