Come cambia l'Europarlamento dopo la Brexit

Quanti seggi saranno redistribuiti e come dopo l'addio a Strasburgo dei 73 deputati britannici

parlamento europeo brexit come cambia
ZUMAPRESS.com / AGF 
Europarlamento 

Cinque eurodeputati in più per i popolari, sei in meno per i socialisti, mentre i liberali perdono 11 seggi. Dopo il voto dell'Europarlamento che ha approvato l'accordo di ritiro del Regno Unito dall'Unione europea, si ridisegna l'emiciclo dell'Eurocamera.

Nel giorno in cui Londra è ufficialmente fuori dall'Unione, 73 deputati britannici lasceranno i loro scranni a Bruxelles e Strasburgo: 27 di questi seggi saranno distribuiti tra 14 stati membri (Francia (+5), Spagna (+5), Italia (+3), Paesi Bassi (+3), Irlanda (+2), Svezia (+1), Austria (+1), Danimarca (+1), Finlandia (+1), Slovacchia (+1) Croazia (+1), Estonia (+1), Polonia (+1) e Romania (+1), mentre i 46 rimanenti resteranno non assegnati in caso di eventuali nuovi ingressi di paesi terzi nella Ue. In totale, dopo Brexit, il numero di eurodeputati passa dai 751 attuali a 705.

Dei 27 seggi che saranno redistribuiti 5 andranno al Ppe, 4 ai Socialisti (che però ne perdono 10 e dunque in totale vanno a meno 6) altri sei ai liberali di Renew Europe (che ne perdono 17 e dunque calano di 11) 3 al gruppo di Identità e Democrazia. I Verdi perdono 7 seggi, i conservatori di Ecr 3, la sinistra della Gue perde un seggio.

I parlamentari dei diversi Paesi che prenderanno il posto dei deputati britannici decaduti sono già stati eletti formalmente o sono già noti, anche se non ancora stati designati. Nessuno Stato membro che riceverà i seggi lasciati vacanti dai britannici dovrà organizzare elezioni suppletive. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it