Tutto quello che di sbagliato  Trump  ha detto sul nucleare iraniano, secondo il NYT

Fact-checking sulle ragioni con cui il presidente ha giustificato la volontà di uscire dall'accordo siglato con Teheran. La Casa Bianca non ne esce bene 

Tutto quello che di sbagliato  Trump  ha detto sul nucleare iraniano, secondo il NYT
STR / afp 
 Un murales lungo una strada di Teheran

L’Iran “è una dittatura che ha addestrato Al Qaeda” e l’accordo sul nucleare voluto da Barack Obama è “una delle cose peggiori mai firmate dagli Usa”. “Sulla base di quanto ho visto vi annuncio che noi non possiamo certificarlo”. Sono queste le parole con cui Donal Trump ha deciso di non certificare l’accordo con l’Iran sul nucleare. Ma le dichiarazioni che ha fatto per avvalorare la sua decisione sono spesso fuorvianti e incomplete. Il New York Times le analizza una per una: 

Il fact-checking fatto dal NYT

La storia iraniana raccontata da Trump è incompleta - “L'Iran è sotto il controllo di un regime fanatico che ha preso il potere nel 1979 e ha costretto un popolo orgoglioso a sottomettersi all’estremismo”, ha detto Trump, riferendosi alla rivoluzione islamica. In verità - spiega il NYT - i religiosi guidati da Ayatollah Ruhollah Khomeini quell’anno fondarono una repubblica islamica. Il suo successore, Ayatollah Ali Khamenei, è attualmente il leader supremo dell’Iran. Il presidente ha poi parlato della crisi degli ostaggi dell'Iran del 1979, del supporto dell’Iran al terrorismo e del sostegno al presidente siriano Bashar al-Assad per fare esempi di ‘azioni ostili’ del Paese. “Ma seppur tutte queste azioni sono effettivamente ostili, bisogna contestualizzarle”, spiega Abbas Amanat, uno studioso iraniano dell'Università di Yale.  Amanat ha aggiunto che la rivoluzione del 1979 è stata un movimento popolare e che il governo, sebbene repressivo, fu moderato.

Tutto quello che di sbagliato  Trump  ha detto sul nucleare iraniano, secondo il NYT
 Donald Trump (Afp)

La lezione di storia di Trump ha inoltre omesso un importante elemento di svolta: il cosiddetto movimento verde del 2009, con il quale i manifestanti sono scesi nelle strade del Paese per contestare l'elezione del presidente Mahmoud Ahmadinejad e chiedere una maggiore libertà politica. Alcuni chiesero perfino la rimozione di Ayatollah Khamenei. Nel 2013 Hassan Rouhani, un religioso moderato, è stato eletto dal popolo con un’ampia maggioranza. I suoi alleati nel corso degli anni si sono rafforzati, non è un caso che è stato riconfermato nelle elezioni di maggio 2017.
"Ogni tentativo di rinnegare o decertificare o imporre sanzioni ha un impatto negativo sui moderati in Iran che sostengono Rouhani, sono tutte azioni che non fanno altro che alimentare i gruppi estremisti”, ha detto ancora Amanat.

La questione dei soldi di Teheran

Le dichiarazioni di Trump sui vantaggi economici dell’Iran derivanti dall’accordo sul nucleare sono fuorvianti - Secondo Trump l’accordo ha fatto incassare all’Iran “oltre 100 miliardi di dollari che il governo avrebbe utilizzato per finanziare il terrorismo, ai quali si deve aggiungere un pagamento in contanti di 1,7 miliardi”. In realtà l’accordo diplomatico - sempre secondo il Nyt - prevedeva un rilascio di 100 miliardi di dollari congelati in precedenza. Gran parte di questo importo riguarda obbligazioni di debito: ad esempio 20 miliardi sono destinati alla Cina per finanziare alcuni progetti in Iran. Quindi la disponibilità finanziaria che rimane all’Iran, non è 100 miliardi ma varia dai 35 ai 65.

video

Inoltre è vero che l’amministrazione Obama ha trasferito 1,7 miliardi all’Iran, ma anche questa dichiarazione deve essere meglio contestualizzata. I soldi - consegnati in contanti - sono stati pagati per porre fine a una disputa lunga decenni solo indirettamente legata all'accordo nucleare. Prima della rivoluzione del 1979, lo shah dell'Iran pagò 400 milioni di dollari per forniture militari americane che, dopo che fu spodestato, non furono mai consegnate. I religiosi che presero il controllo per anni hanno cercato di recuperare il denaro, ma gli Stati Uniti si sono sempre rifiutati. 1,3 miliardi di dollari in più non sono altro che gli interessi accumulati in 35 anni.

Il ruolo dell'Aiea

Trump ha detto, senza fornire prove, che "il regime ha intimidito gli ispettori internazionali che avevano il compito di svolgere verifiche sull’accordo” -  La Casa Bianca - scrive il quotidiano americano - non ha fornito nessuna risposta quando sono state richieste prove a sostegno di questa affermazione. Inoltre il capo dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea), il gruppo di controllo incaricato delle verifiche, non ha mai parlato di questi problemi. "A mio avviso, non c’è alcuna prova. La IAEA. non ha detto niente del genere ", ha dichiarato Richard Nipote, l’ex coordinatore delle sanzioni al Dipartimento di Stato e studioso di ricerca al centro sulla Politica Energetica Globale della Columbia University.

Yukiya Amano, direttore generale della Aiea più volte ha dichiarato che l'Iran stava seguendo le regole. Non ha menzionato nessuna forma di intimidazione. "Abbiamo potuto svolgere - ha detto - il nostro lavoro con più facilità rispetto a tanti altri Paesi”. Dopo l’ultimo discorso di Trump Amano ha inoltre dichiarato: “Finora l'Aiea ha avuto accesso a tutti i luoghi che aveva necessità di visitare, al momento l'Iran è sottoposta a un regime ispettivo che non ha precedenti”.

Il fattore tempo

Trump ha esagerato quando ha detto che “l’accordo sulle limitazioni del programma nucleare stanno per scadere” -  In realtà, le disposizioni principali durano dieci anni e l’American Israel Pubblic Affairs Committee ha dichiarato che “molte clausole scadranno tra 15 anni”. Sulla base dell’accordo per 10 anni l'Iran non potrà usare più di 5.060 centrifughe per l’arricchimento dell’uranio e non potrà svolgere attività di ricerca e sviluppo sulle centrifughe stesse. Inoltre - in base a quanto riportato da una ricerca del Congresso americano - per 15 anni ci sono limiti per i livelli di arricchimento, per le strutture e per le scorte. L’accordo prevede anche che l’Iran trasformi un centro di arricchimento dell’uranio in un centro tecnologico che non contenga materiale nucleare e dove il numero di centrifughe sia limitato per i prossimi 15 anni. Ci sono poi molte limitazioni sull’utilizzo del plutonio, incluso il divieto di costruire nuovi reattori per l’acqua pesante. Gli ispettori devono monitorare centrifughe e tutte le infrastrutture correlate per 15 anni, controllare le scorte per 20 anni e monitorare le miniere di uranio per 25.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it